HOME
EDIZIONE 2014
INFO E BIGLIETTI
NEWS
IL FESTIVAL
AREA STAMPA
GALLERY
ARCHIVIO
SOSTIENICI
ITA • ENG
PROGRAMMA

CALENDARIO

OPERA

DANZA

MUSICA

TEATRO

ARTE

EVENTI
Tutti i giorni del Festival su
"La Repubblica TV"
Guarda tutti i video
EDIZIONE 2014OPERALA MORT DE CLEOPATRE
LA DAME DE MONTECARLO
ERWARTUNG
Berlioz
Poulenc
Schnberg

LA MORT DE CLEOPATRE
LA DAME DE MONTECARLO
ERWARTUNG



con
Ketevan Kemoklidze
Kathryn Harries
Nadja Michael

direttore John Axelrod

regia Frédéric Fisbach

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

scenografia e luci Laurent P. Berger

costumi Luisa Spinatelli

produzione Spoleto 57 Festival dei 2Mondi

mimi
Cecilia Andreasi
Ketty Panarotto
Lapo Sintoni
Matteo Morigi
Stefano Spadin
Francesco Marchesi

direttore tecnico Ottorino Neri

assistente alla regia Solène Souriau
assistente costumista Monia Torchia
maestro al pianoforte Eugenio Krizanovski 
maestro al palcoscenico Roberta Mori
maestro alle luci Ermelinda Suella

direttore di produzione Maya Dimova
coordinamento direzione tecnica Daniele Di Battista
segreteria tecnica Silvia Preda
assistenti al direttore tecnico Alessia Forcina, Giulia Chiapparelli 

direttore di scena Fabrizio Pisaneschi
responsabile luci Graziano Albertella
responsabile settore macchinisti Paolo Zappelli

capo macchinista Michele Colella
macchinisti Leonardo Bellini, Generoso Ciociola, Alessandro Gobbi, Massimiliano Marotta, Fabio Pibiri

capo elettricista Simone De Angelis
operatore consolle luci Francesco Vignati
elettricista Umberto Giorgi

fonico Luca Starpi

capo attrezzista Patrizia Valentini
attrezzista Maurizio Salvatori

responsabile sartoria Chiara Crisolini Malatesta
sarte Claudia Zampolini, Serenella Orti, Marian Osman Mohamed, Giuliana Rossi
sartoria Brancato Sartoria Milano
calzature Calzature Epoca
trucco e parrucche Roberto Maria Paglialunga

elementi scenografici Laboratorio di Scenotecnica e pittura del Festival dei 2Mondi di Spoleto, Tecnoscena s.r.l

scenografia Staff Tecnico Festival dei Due Mondi
responsabile Claudio Balducci
macchinista costruttore Enrico Calabresi

pittori scenografi Moreno Bizzarri, Silvana Luti
scultore Massimiano Albanese
assistente Edoardo Marcolini 

servizio audio/video Sound Store di Luca Starpi Spoleto
luci Luce E’ S.r.l Firenze
strutture e servizi per spettacolo Atmo Divisione Gioform srl
pianoforti Angelo Fabbrini
trasporti GBANG S.r.l.
computer regolazione luci E.T.C. Italia www.etcconnect.com

spettacolo in lingua originale sottotitoli Prescott Studio, Firenze

si ringraziano gli allievi della Scuola del Teatro Musicale



LA MORT DE CLEOPATRE

scena lirica per soprano e orchestra

musica di Hector Berlioz
testo di Pierre-Ange Vieillard
con Ketevan Kemoklidze mezzo-soprano / Cléoptre

Edizioni Breitkopf&Hartel Wiesbaden - rappresentante per l’Italia Casa Ricordi, Milano


Cleopatra, sconfitta, umiliata e disperata, rievoca, negli ultimi drammatici attimi della sua esistenza, i giorni felici trascorsi con Cesare e poi con Antonio, paragonandoli alla desolazione di un presente in cui anche la sua leggendaria bellezza ha ormai perso ogni potere. Solo la morte potrà ridarle la dignità e l’onore, e invoca le ombre dei faraoni chiedendosi se potrà essere ammessa in una delle loro piramidi. La forza delle immagini e delle emozioni è tale da riuscire a dare evidenza descrittiva e teatrale ad ognuna delle parti del poema e a ogni pensiero di Cleopatra, ad ogni azione, gesto, parola: la visione delle Piramidi, il ricordo delle onde del mare di Azio, gli squilli della battaglia, lo scatto dello sdegno, il guizzo dell’aspide, l’affanno del soffocamento. Con questo brano, scritto in chiave romantica, Berlioz ci regala una delle sue più commoventi e struggenti pagine di musica, esprimendo inoltre il suo amore per Shakespeare e per l’antichità classica.

LA DAME DE MONTECARLO

monologo lirico per soprano e orchestra

musica di Francis Poulenc
testo di Jean Cocteau
con Kathryn Harries soprano / la dame de Montecarlo

Edizioni Ricordi Paris, Paris - rappresentante per l’Italia Casa Ricordi, Milano


Poulenc conclude i suoi Journal de mes Mélodies con questo monologo lirico, tratto da una delle poesie de Thétre de poche di Jean Cocteau. Scritto per l’attrice e cantante Marianne Oswald, e da lei registrato nel 1936, è il ritratto di una donna d’un ge avancé, disperata e afflitta, dipendente dal gioco d’azzardo e tragicamente sfortunata. Il tempo è principalmente lento, triste e patetico. Quando anche l’ultima speranza di vincita è persa, la donna è stoicamente determinata al suicidio e la si può immaginare mentre si getta in mare, gridando quel nome "Montecarlo", sacro a tutti i giocatori, per l’ultima volta.

ERWARTUNG

monodramma in un atto per soprano e orchestra

musica di Arnold Schnberg
libretto di Marie Pappenheim
con Nadja Michael soprano / eine frau

Edizioni Universal Wien rappresentante per l’Italia Casa Ricordi, Milano


Unica protagonista di Erwartung è una donna che, in preda al terrore nell’oscurità della notte, attende invano e disperatamente cerca, al limitare di un bosco, il suo amato, per trovarlo infine cadavere. Dall’angosciosa ricerca dell’uomo scaturisce un delirante e frammentato monologo senza interruzione che rivela un susseguirsi di emozioni contrapposte - odio, bramosia, gelosia, perdono - e di memorie, presagi, allucinazioni e manifestazioni di sgomento fino al culmine drammatico raggiunto con la raccapricciante scoperta dell’uomo senza vita. La dimensione psicoanalitica di matrice freudiana emerge in modo spiccato in questo "flusso di coscienza", in questa "istantanea della vita" che si proietta nell’arco di mezz’ora, da immagine a immagine, e della cui convulsa drammaticità la musica si fa magistralmente carico.





Amo l’opera. È un’arte unica che ha il potere di trasformare lo spazio e il tempo e che ci mette in contatto con la nostra parte più intima, con le nostre emozioni più recondite e segrete.
Berlioz, Poulenc e Schnberg hanno composto tre opere brevi, tre condensati d’umanità. Quando le ho ascoltate per la prima volta una di seguito all’altra, ero in stato di choc, di allucinazione. Ero senza voce.
Cléoptre la signora di Montecarlo e la donna di Erwartung sono tre eroine tragiche; sono sul baratro, vacillano, davanti all’abisso.
Ma sono molto diverse fra loro.
Le immagino come le tre età della donna, la maturità, la vecchiaia e la giovinezza, vissute in tre epoche e tre territori diversi.

La mort de Cléoptre racconta gli ultimi minuti della vita di una regina. Una donna che aveva saputo resistere all’invasore usando la sua bellezza, facendo dell’amore un’arma. Ora, per la prima volta, un uomo è rimasto insensibile; il suo fascino è scomparso, è sconfitta e muore.
Nel passaggio verso la morte dovrà confrontarsi con le sue azioni passate. Per la sua meditazione Berlioz ha creato una musica struggente, intensa e profonda, che rompe completamente con il fulgore della prima metà della cantata.
Voglio mettere in scena l’attimo di questa trasformazione. Il momento in cui la donna che incarna il potere, dopo essersi offerta un’ultima volta al suo popolo, entra nel regno delle ombre. Sola, con il ricordo dei suoi antenati morti, la tragedia penetra al cuore e soffriamo con lei; la regina in quel momento altro non è che una donna davanti alla morte.

La dame de Montecarlo è stata composta da Poulenc da una canzone scritta da Cocteau per il cabaret. È una donna che la vita non ha risparmiato. Ha goduto molto, prima di essere abbandonata, tradita dai suoi amanti e dalla fortuna. Ormai sfiorita, ha trovato rifugio nell’ebrezza del gioco.
Stasera ha toccato il fondo, ha perduto tutto. Vaga raminga e disperata nella notte di Montecarle o Montecarlo.
Ho scelto di mostrare questa donna come se fosse il numero di una rivista musicale. La signora del passato, in equilibrio fra l’orchestra e gli spettatori, diventa una funambola. Canta, parla con gli abitanti della notte, gli spazzini, i barboni, una coppia di innamorati. Delira, non ne può più di se stessa. Il mare Mediterraneo è vicinissimo: lì potrà trovare finalmente l’anelato riposo.

Con Erwartung, Schnberg proietta la musica verso la modernità. È un’opera che inaugura la musica del 20 secolo. Basata sul libretto delirante di una giovane studentessa di medicina, Marie Pappenheim, si tratta di un vero e proprio monologo teatrale.
Una giovane donna attende nel bosco, di notte.
Tutto è familiare ma proprio per questo appare minaccioso. Ciò che un tempo era rassicurante, ora improvvisamente la spaventa. La donna parla alla luna, al grillo e all’uomo che ritroverà morto. Il bosco sembra quello di un terrificante racconto per bambini dove l’inconscio dei sogni e degli incubi si intrecciano alla realtà, deformando la percezione delle cose fino a renderle mostruose.
Schnberg ha cercato di raccontare in trenta minuti i pochi secondi successivi ad un evento traumatizzante. Molti raccontano che dopo aver vissuto un incidente hanno visto la propria vita scorrere davanti ai propri occhi. Come se quell’istante avesse il potere di tendersi fino a poter comprendere tutta una vita.
Questo è il punto di partenza della rappresentazione di Erwartung. C’è stato un incidente, una donna vaga nel bosco, quando la musica comincia tutto è già successo.
Come in un film di Lynch o di Cronenberg, c’è la carcassa della macchina ancora fumante, ma lei non la vede. È occupata altrove, nella sua testa, nel suo cuore, a cacciar via quel che è successo.
Sta già riscrivendo la storia? Cerca di dimenticare quel che è appena accaduto?
Una discussione fra due innamorati al volante, un gesto involontario troppo brusco e la macchina esce di strada? O c’era forse la volontà premeditata di uccidere l’amante che l’ha tradita?
Non daremo risposte a queste domande. L’importante è l’emozione trasmessa da questa giovane donna in crisi, alle prese con l’insopportabile, che tenta di gestire come può. È sull’orlo della follia e della morte, sospesa sul baratro.

Con Laurent P. Berger abbiamo scelto di evidenziare l’arco scenico del Teatro Nuovo. Diventa la soglia della tomba di Cléoptre e la tomba stessa è appiattita, ricorda un bassorilievo strappato dal muro di un tempio.
Diventa uno schermo, un fondale astratto, sul quale si staglia la signora di Poulenc nel suo numero di funambola.
È la finestra attraverso la quale gli spettatori vedono il bosco e possono spiare la donna di Erwartung.
Luisa Spinatelli ha concepito i costumi delle varie epoche, nel tentativo di collocare queste donne in una visione contemporanea.
L’unione dei tre brani musicali è bella e coraggiosa. Desidero ringraziare il Festival di Spoleto ed in particolare Giorgio Ferrara, per la fiducia che mi ha accordato chiedendomi di mettere in scena questo passaggio intenso e sottile, attraverso la storia della musica del 19 secolo e dell’inizio del 20 secolo.

Frédéric Fisbach


KETEVAN KEMOKLIDZE mezzo-soprano
Richiestissima dai maggiori teatri del mondo per le sue straordinarie doti vocali e sceniche, il mezzosoprano Ketevan Kemoklidze è nata a Tbilisi (Georgia) e compie i suoi studi al Conservatorio Statale V. Sarajisgvili nella stessa città. Dopo l’assegnazione del Premio Speciale del Teatro alla Scala al concorso H.G. Belvedere, viene ammessa e frequenta l’Accademia del Teatro alla Scala, senza bisogno degli esami di ammissione, e risulta ben presto vincitrice di prestigiosi concorsi internazionali, tra cui l’Operalia di P. Domingo, il Concours International de Chant de la Ville de Toulouse, il Concorso Internazionale di Canto F.Vias, il Concorso Internazionale H.G. Belvedere di Vienna, il Concorso E. Obraztsova di San Pietroburgo, i Concorsi Nazionali della Georgia.
Nel 2002, ancora studentessa, Ketevan Kemoklidze esordisce sul palcoscenico, distinguendosi per raffinate e promettenti qualità canore, nel ruolo di Maddalena in Rigoletto, di Emilia in Otello e del protagonista nell’Amadigi in Georgia. Successivamente compare, riportando enorme successo, sui più importanti palcoscenici del mondo, in alcuni dei quali nelle vesti dell’affascinante Rosina: Deutsche Oper Berlin, Thétre du Capitole di Tolosa, Teatro Regio di Parma, Teatro Massimo di Palermo, Opéra National di Montpellier, Opéra Municipal di Marsiglia; ancora, alla Washington National Opera su invito del Maestro Domingo in quanto vincitrice del suo concorso. Nel 2010 Ketevan Kemoklidze debutta con ampio successo al Covent Garden di Londra con lo Stephano nel Roméo et Juliette. Al Premio Speciale del Concorso Belvedere fa seguito, nel 2006, il suo apprezzatissimo debutto spagnolo al Gran Teatre del Liceu nell’Otello; il suo ritorno in Spagna è per Le nozze di Figaro e per L’arbore di Diana sul prestigioso palco del Teatro Real di Madrid. È, inoltre, ospite frequente e benvenuta dei maggiori teatri italiani: al Teatro alla Scala si esibisce in Così fan tutte, Ascanio in Alba, Salomè, Manon, Il barbiere di Siviglia e Sogno di una notte di mezza estate; al Teatro La Fenice di Venezia in Roméo et Juliette. Su invito del Maestro Pizzi è Siebel in Faust e Dorabella in Così fan tutte entrambe rappresentate allo Sferisterio Opera Festival di Macerata; recita anche in Così fan tutte al Teatro delle Muse di Ancona e in Thas al Teatro Regio di Torino. Alla Oper Graz interpreta Fenena nel Nabucco e la Principessa Clarice nell’Amore delle tre melarance. Conquista con il suo Cherubino mozzafiato il pubblico del Teatro Municipal di Santiago e dell’Opera di Monte Carlo. Si esibisce anche nel ruolo di Ines nella Maria Padilla al celeberrimo Festival di Wexford e debutta in Grecia come Giulio Cesare al Megaron di Salonicco.
Ketevan Kemoklidze segna il suo eccezionale esordio cinematografico come Adriana Ferrarese (Donna Elvira) nel film Io, Don Giovanni del noto regista spagnolo Carlos Saura, premiato in diversi festival internazionali di cinema.
Della sua attività professionale si ricordano le esibizioni in prestigiose e importanti manifestazioni musicali: lo Stabat Mater di Pergolesi nella Basilica di San Marco a Venezia con "I Solisti Veneti"; il concerto "Placido Domingo e i suoi amici Georgiani" a Batumi; lo Stabat Mater di Pergolesi e il Magnificat di Vivaldi a Padova all’Inaugurazione del Veneto Festival Internazionale con "I Solisti Veneti"; Il Dolore di Maria Vergine con "I Virtuosi delle Muse" al Teatro Campos di Bilbao; il Requiem di Mozart al Teatro Regio di Torino; il Kindertotenlieder di Mahler al Menhir Music Festival; l’International Music Festival "MITO" e il Music Festival Internazionale "Settimane Musicali di Stresa"; il récital al Thétre du Capitole di Tolosa e al Wexford Festival; il Mozartfest 2006 a Mannheim; Pulcinella di Stravinski al Teatro alla Scala e al 43 Festival Internazionale "A. Benedetti Michelangeli" a Brescia; i concerti al Teatro alla Scala, al Teatro di Basilea, all’Oper Leipzig, all’Opera di Tbilisi; l’AIDS-Gala alla Deutsche Oper di Berlino e alla Deutsche Oper am Rein; il Messiah di Handel e l’Oratorio di Natale di Bach (la prima esecuzione in Georgia); la IX Sinfonia di Beethoven, il Requiem e la Messa Brevis di Mozart al Festival Internazionale "Autunno Tbilisi". Recentemente ha interpretato Faust (Siebel) e Linda di Chamounix (Pierotto) al Gran Tetare del Liceu di Barcellona, Il barbiere di Siviglia (Rosina) a Dusseldorf e a Santiago del Cile, Ivan il terribile a Montecarlo, Aleksandr Nevskij ad Annecy, Rimini, Milano, La Cenerentola alla Los Angeles Opera. Ketevan Kemoklidze è stata una dei solisti protagonisti al concerto Aids- Gala a Bonn, è quindi partita in tournée con il Teatro alla Scala, è stata poi Preziosilla ne La Forza Destino a Washington ed ha debuttato come Carmen a Tokyo.
La sua discografia comprende AIDS-Gala a Berlino, Thas, Otello, Sogno di una notte di mezza estate e Salome.
Ketevan Kemoklidze tornerà a Tokyo dove sarà impegnata ne La forza del destino, Il Barbiere di Siviglia a Barcellona, sarà poi impegnata in Evgenij Onegin al Teatro San Carlo di Napoli.
Negli anni 2000-2004 risulta titolare di una borsa di studio dei Presidenti della Georgia e nel 2005 consegue il Master Universitario in Relazioni Economiche Internazionali.

KATHRYN HARRIES soprano
Dopo aver frequentato la Royal Academy of Music e la London University, nel 1974 Kathryn Harries ha intrapreso una brillante carriera come cantante solista e concertista.
Fra il 1977 ed il 1983 ha presentato il premiato programma televisivo "Music Time" per BBC One e nel 1983 ha esordito alla Welsh National Opera nel ruolo di una Fanciulla-Fiore nel Parsifal e di Leonore in Fidelio. Il suo repertorio comprende oltre 60 ruoli fra cui Kostelnika (Jenufa), Kundry (Parsifal), Sieglinde (La valchiria), Gutrune (Il crepuscolo degli dei), Brangne (Tristano e Isotta), Emilia Marty (L’affare Makropulos), Didone (Les Troyens), Marie (Woyzeck), Carmen (Carmen), Judith (Il castello del principe Barbablù), Donna Elvira (Don Giovanni) e la Contessa Geschwitz (Lulu). Si è esibita nei più prestigiosi teatri dell’opera inglesi (Royal Opera House, l’English National Opera, il festival di Edimburgo ed il festival di Glyndebourne), statunitensi (Metropolitan Opera, New York City Opera, Lyric Opera of Chicago, San Francisco Opera e Los Angeles) ed europei (Palais Garnier, Chatelet e Bastille, a Parigi, Lione, St Etienne, Orange, Amburgo, Stoccarda, Berlino, Amsterdam, Genova, Roma, Bilbao, Oviedo, Liegi, Salisburgo, Bochum).
Kathryn Harries ha lavorato con la English Northern Philharmonia, la BBC Symphony Orchestra al Barbican, per "Rise and Fall of the City of Mahagonny" dei BBC Proms, e con l’Orchestra Filarmonica della BBC a Brema e a Lucerna.
Più recentemente le sue performance comprendono i ruoli di Kostelnicka (Jenůfa), Mrs. Sedley (Peter Grimes), Erodiade di Massenet, Kabanicha (Katya Kabanova), Valerie von Kant (Le lacrime amare di Petra von Kant), la madre di Stolzius (I soldati), Mrs. Grose (Il giro di vite), la vecchia signora (Candide) ed Emilia Marty (L’affare Makropoulos).
Nel 2009 è stata nominata Direttore del National Opera Studio di Londra e si sta affermando a livello internazionale come insegnante di canto. Lavora come consulente vocale per la nuova Opera dell’Irlanda del nord e organizza regolarmente corsi di specializzazione in Inghilterra e all’estero.
Kathryn Harries sarà uno dei giudici del Lexus Song Quest 2014 in Nuova Zelanda.

NADJA MICHAEL soprano
Cresciuta a Lipsia, Nadja Michael ha studiato canto a Stoccarda e all’Università di Bloomington/Indiana, negli Stati Uniti.
Si esibisce regolarmente come ospite nei più noti teatri dell’opera di tutto il mondo, cantanto per i direttori d’orchestra più rinomati del nostro tempo. Ha cantato all’Arena di Verona e nei festival di Glyndebourne e di Salisburgo. Ha lavorato con la Chicago Symphony Orchestra interpretando il ruolo di Brangne in Tristan und Isolde di Wagner, diretta da Daniel Barenboim, e con il maestro Zubin Mehta nella parte di Didone in Les Troyens di Berlioz. Nel febbraio 2007 ha ottenuto un grande successo con Salome al Teatro alla Scala di Milano, e con Fidelio, all’Opera Statale di Vienna.
Dopo il successo con Salome al Covent Garden di Londra, nel 2008 ha debuttato con altrettanto successo nelle vesti della Medea di Cherubini a La Monnaie di Bruxelles. Anche la sua performance di Lady Macbeth di Verdi durante l’inaugurazione della stagione 2008-2009 dell’Opera di Stato Bavarese a Monaco, è stata acclamata da pubblico e critica. Nadja Michaels ha calcato trionfalmente le scene dell’Opera di Monaco di Baviera con Medea in Corinto di GS Mayr. A fine 2010 ha portato in scena Lady Macbeth di Verdi, con Thomas Hampson, alla Lyric Opera of Chicago. Nel marzo 2011 ha incarnato Marie nella rappresentazione di Woyzeck di Berg, diretta da Daniel Barenboim all’Opera Statale Unter den Linden. Ha ricevuto vari premi per le sue performance; nel 2008 il ruolo di Salome alla Royal Opera House di Londra le è valso il goldenen Stimmgabel von Arte e una nomination al prestigioso South Bank Show ITV Award 2009.
Recentemente si è alternata nei ruoli di Lady Macbeth in Macbeth di Verdi alla Metropolitan Opera di New York, di Medea in Médée di Cherubini al Thétre des Champs Élysées a Parigi, di Poppea ne L’incoronazione di Poppea di Monteverdi a Madrid e al Thétre du Chtelet di Parigi e di Judith in Blaubarts Burg di Bartk alla Metropolitan Opera di New York.
Sono disponibili su DVD: Don Carlos (Opera Statale Vienna), Salome (La Scala di Milano, Royal Opera House Covent Garden di Londran), Tosca (Bregenzer Festspiele), Medea in Corinto (Opera di Stato Bavarese di Monaco di Baviera), e presto anche la sua interpretazione della Medea di Cherubini in scena al Thétre de la Monnaie di Bruxelles.

ORCHESTRA SINFONICA DI MILANO GIUSEPPE VERDI
Nata a Milano, nel 1993, l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi è oggi una protagonista indiscussa del panorama culturale italiano e non solo. Lo testimoniano un Grammy Award, le numerose tournée internazionali (ultima, nel 2013, a Londra per i prestigiosi BBC Proms), la ricca produzione discografica. Formata da Vladimir Delman e guidata oggi da Zhang Xian, l’Orchestra nacque per allargare la fruizione della musica classica anche al pubblico che non aveva mai frequentato una sala da concerto; per offrire un servizio culturale e sociale alla Città e al Paese; per offrire un’opportunità di lavoro ai giovani musicisti di talento. Obiettivi raggiunti, come dimostrano la qualità e professionalità dei suoi musicisti e dei Direttori che si sono succeduti come titolari o ospiti, i 200.000 spettatori che ogni anno assistono agli oltre 250 concerti proposti, un’attività musicale che si svolge ormai per tutti i dodici mesi dell’anno e sempre più premiata dai successi di pubblico, dall’apprezzamento della critica, dall’attenzione degli organi d’informazione. Fra i molti esempi, i due concerti nella Sala Nervi del Vaticano per S. S. Benedetto XVI e la recente esecuzione dell’Ottava Sinfonia di Mahler diretta da Riccardo Chailly. La musica è di tutti ed è per tutti: l’attività de laVerdi negli anni è stata affiancata dal Coro Sinfonico, dall’Ensemble laBarocca, dal Coro di Voci Bianche, dall’Orchestra Amatoriale "laVerdi per tutti" e dall’Orchestra Sinfonica Junior, per ragazzi con meno di 18 anni. laVerdi infine, unica fra le istituzioni musicali italiane, è proprietaria della propria sede, l’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, realizzato nel 1998 e acquistato nel 2008.

JOHN AXELROD 
Con il repertorio estremamente vasto, i programmi innovativi e il carismatico stile direttoriale, John Axelrod continua ad imporsi sempre più come uno dei direttori più interessanti del panorama odierno ed è richiesto dalle orchestre di tutto il mondo.
Dopo aver completato con successo la sua carica quinquennale come direttore principale della Luzerner Sinfonie Orchester e direttore musicale del Teatro di Lucerna ed essere stato nominato Direttore Musicale dell’Orchestre National des Pays de la Loire (ONPL), nell’aprile 2011 John Axelrod è stato nominato Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica di Milano "G. Verdi".
Sin dal 2000, John Axelrod ha diretto oltre 150 orchestre, fra cui la Rundfunk-Sinfonieorchester di Berlino, NDR Symphony di Amburgo, Grzenich-Orchester, Gewandhaus Orchestra, Dresdner Philharmonic, Israel Philharmonic, Orchestre de Paris, Orchestre National de Lyon, Royal Philharmonic of London, London Philharmonia, Orchestre de la Suisse Romande, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, Royal Stockholm Philharmonic, Danish National, Oslo Philharmonic, Swedish Radio Orchestra, National Philharmonic of Russia, Toronto Symphony, ORF di Vienna, Salzburg Mozarteum, Camerata Salzburg, Warsaw Philharmonic, fra le molte altre.
Il suo profilo internazionale come direttore ospite negli Stati Uniti e in Asia lo vede impegnato con la Washington National Symphony, Los Angeles Philharmonic, Philadelphia Orchestra, la Chicago Symphony, NHK Symphony Orchestra di Tokyo, Kyoto Symphony, National Philharmonic di Taiwan e la Shanghai Symphony.
La sua attività operistica comprende nuove produzioni del Candide di Bernstein al Thétre du Chtelet e al Teatro alla Scala. Nelle recenti stagioni ha diretto Tristano e Isotta ad Angers/Nante, Kehraus um St. Stephan di Krenek al Festival di Bregenz, le nuove produzioni di Kaiser von Atlantis, Rigoletto, Rake’s Progress, Don Giovanni, L’opera da tre soldi, Idomeneo - tutte per il Festival di Lucerna. Nel 2013 ha diretto la KammerSymphonie Berlin in Der Kaiser von Atlantis di Ullmann in una speciale forma di concerto al Museum of Topographie des Terrors. Nel febbraio 2014 dirige Evgenij Onegin al Teatro San Carlo di Napoli.
Appassionato sostenitore delle nuove generazioni di musicisti, John Axelrod collabora con diverse orchestre giovanili professionali, andando in tournée con la Schleswig Holstein Festival Orchestra al Festival di Salisburgo, l’Orchestra Giovanile Italiana in Italia, l’Accademia della Scala a Muscat, la Nord Deutsche Junge Philharmonie in Germania, la Sinfonia Iuventus in Polonia e la Vienna Jeunesse Orchester in Austria.
Come Primo Direttore Ospite della Sinfonietta Cracovia (2001-2009), John Axelrod ha diretto la formazione nelle più prestigiose sale concertistiche europee, ha collaborato con ARTE, e ha diretto l’orchestra ad Auschwitz per un film in memoria dell’Olocausto, prodotto dalla BBC e vincitore dell’Emmy Award 2007.
John Axelrod incide regolarmente sia il repertorio di tradizione che quello contemporaneo con artisti fra i quali Veronique Gens, Rachel Kolly d’Alba, Martin Grubinger, Patricia Kopatchinskaja e Dietrich Henschel, per etichette quali Sony Classical, Warner Classics, Ondine, Universal, Naive e Nimbus. Il prossimo progetto discografico Brahms Beloved vede l’integrale delle Sinfonie di Brahms, con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, abbinate ai Lieder di Clara Schumann per la Telarc in uscita nella stagione 2013-14.
Laureato alla Harvard University nel 1988 e formatosi nella tradizione di Bernstein, ha studiato al Conservatorio di San Pietroburgo con Ilya Musin nel 1996, e ha partecipato al programma dell’American Symphony Orchestra League.

FRÉDÉRIC FISBACH
Diplomatosi al Conservatorio Nazionale Superiore d’Arte Drammatica (CNSAD), Frédéric Fisbach è attore, regista teatrale e cinematografico e lavora sia in Francia che all’estero.
Partecipa alla creazione di quattro opere contemporanee al Festival della Lirica di Aix en Provence e al Lincoln Center Festival.
È il direttore dello Studio Thétre di Vitry sur Seine fino al 2006.
La sua prima regia cinematografica è La pluie des prunes, un film prodotto da ARTE e girato a Tokyo, per il quale ottiene il premio di miglior film al Festival Tous Ecrans.
È artista associato del Festival d’Avignon 2007 e si occupa dell’ideazione e dell’apertura del Centquatre di Parigi.
Nel 2011 dirige Juliette Binoche in Mademoiselle Julie e partecipa alle riprese dello spettacolo per France 2.
Lo scorso novembre ha recitato in Elisabeth ou l’Equité tratto dal romanzo di Eric Reinhardt.

LAURENT P. BERGER
Laurent P. Berger, artista visivo diplomato presso l’Ecole Nationale Supérieure des Arts Décoratifs (Paris), vive e lavora a Parigi. Ha ottenuto una borsa di studio dall’Accademia di Francia a Roma e ha risieduto a Villa Medici nel 2000. Ha preso parte a numerose esposizioni in Francia e all’estero: la Biennale del Whitney Museum di New York nel 2006, il MACBA (Barcellona) nel 2007, il Museu Berardo (Lisbona) nel 2008, la Biennale Internazionale di Marrakech nel 2009 e il Pastificio Cerere di Roma nel 2012. Parallelamente lavora nel campo dello spettacolo, per il teatro, l’opera e la danza, occupandosi della scenografia e delle luci di vari progetti presentati in Europa, in America e in Asia. Ha lavorato a Parigi per il Thétre de la Ville, Thétre du Chtelet, Thétre National de la Colline, Thétre du Vieux-Colombier - Comédie Franaise; in Germania, presso il Deutsches Nationaltheater (Weimar), il Ruhr Festspiele (Recklinghausen), la Festspielhaus (Baden-Baden), la Deutsche Staatsoper di Berlino; in Austria al Weiner Festworchen; negli Stati Uniti al Walker Art Center di Minneapolis e al Perseverance Theater di Juneau in Alaska; in Portogallo all’Almada Festival, in Belgio al Thétre de la Monnaie a Bruxelles, e in Inghilterra alla Royal Opera House Covent Garden di Londra. Nel 1998 diventa membro dell’Accademia Europea di Musica al Festival Internazionale della Lirica di Aix-en-Provence. Nel 1999 riceve la borsa di studio Lavoisier da parte del Ministero degli Affari Esteri per lavorare al fianco di Robert Wilson al Watermill Center di New York; con lui realizzerà diversi lavori in Europa, fra cui l’Ada, presentata nel 2009 all’Opera di Roma. Nel 2006 incontra il regista Frédéric Fisbach con cui mette in scena Feuillets d’Hypnos nel cortile del Palais des Papes del Festival d’Avignon nel 2007, Descendents of the Eunuch Admiral al TRAM di Tokyo, Mademoiselle Julie al Shizuoka Performing Arts Center nel 2010 poi al Festival d’Avignone nel 2011 ed Elisabeth ou l’équité al Thétre du Rond-Point a Parigi nel 2013. Nel 2006, insieme a suo fratello Cyrille Berger, architetto, crea la Berger&Berger con cui sviluppa una serie di progetti architettonici. I due fratelli vincono i Nouveaux Albums des Jeunes Architectes et Paysagistes (NAJAP 2007-2008), il premio del Ministero della Cultura. Dal 2008 al 2009 Berger&Berger risiedono al Centquatre (Paris) e nel 2010 vengono selezionati insieme ad altre squadre internazionali, da Kazuyo Sejima (SANAA) per la 12a Biennale d’Architettura di Venezia. Partecipano a numerosi concorsi internazionali e nel 2012 realizzano in Francia Notus Loci, l’estensione del Centre International d’Art et du Paysage di Vassivière.Vincono il concorso per il progetto dell’ampliamento della Collection Lambert di Avignone, che concluderanno nel 2015. Sono rappresentati dalla Galerie Torri a Parigi.

LUISA SPINATELLI
Scenografo e costumista, Luisa Spinatelli è nata a Milano dove ha studiato scenografia presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera e dove ha insegnato metodologia della progettazione per lo Spettacolo.
Ha debuttato come il più giovane scenografo nel 1965 al Teatro alla Scala di Milano con la Francesca da Rimini con Carla Fracci, coreografia di Pistoni. Come assistente di Ezio Frigerio, ha avuto l’opportunità di incontrare Giorgio Strehler con il quale ha avuto la fortuna di collaborare e acquisire quel modo di "fare Teatro" che l’ha accompagnata per tutto il suo percorso di lavoro. Esercita la sua attività professionale dedicandosi alternativamente alla Prosa, alla Lirica e al Balletto. Ha lavorato in Italia e all’estero con registi e coreografi che l’hanno coinvolta in spettacoli molti importanti.
Nel 1990 ha vinto il Premio Quadrivio 1990 "per il grandissimo contributo dato all’arte quale capace e stimata professionista interprete’ del suo ruolo di costumista e scenografo che sa conferire a ogni sua creazione un tocco di raffinatezza e di un autentico contenuto culturale, non disgiunto da una ricca creatività di indiscutibile valore artistico. Luisa Spinatelli nota al grande pubblico è persona ricca di umanità e cultura doti queste che la rendono apprezzata ed originale interprete di questo impegnativo settore culturale".
Nel settore prosa sono da ricordare: per la regia di Giorgio Strehler, La grande magia di De Filippo al Piccolo Teatro, 1985/86; L’Illusion di Corbeille (costumi) all’Odeon di Parigi, 1984; Faust parte I-II di Goethe Teatro Studio dal 1988 al 1992; l’Isola degli schiavi di Marivaux al Piccolo Teatro di Milano, 1994/95.
Ha debuttato come "prima donna scenografo" all’Arena di Verona nel 1976 con Schiaccianoci.
Per i grandi spazi dell’opera lirica ha progettato i 1300 costumi nel 1987 di Aida per la regia di M. Bolognini davanti alla Sfinge di Giza con le scene di Tito Varisco poi in scena al grande Stadio Olimpico di Montreal in Canada nel 1988 e i costumi di Carmen diretta da Pugelli.
Per il Teatro alla Scala ha creato i costumi de La condanna di Lucullo di Dessau-Brecht nel 1973, di Attila nel 1975, de La forza del destino con le scene di Guttuso, di Andrea Chenier nel 1982, di Adriana Lecouvreur di Cilea per la regia di Puggelli, le scene e i costumi di Fedora di Giordano per la regia di Puggelli nel 1994 alla Scala, alla Royal Opera House London nel 1994 e alla Lyric Opera Chicago nel 1995 e i costumi di Mazepa con Rostropovic-Dodin-Borovski sempre al Teatro alla Scala nel 1999.
Per RAI 1 ha curato l’allestimento di due grandi avvenimenti "Europa mon amour" in piazza della Signoria a Firenze nel 1996 e "Fiore di pietra" dalle cave di marmo a Carrara nel 1997.
Nel campo del balletto, settore nel quale si è specializzata, Luisa Spinatelli ha disegnato le scene e i costumi per moltissimi spettacoli e ha vinto importanti premi: nel 1989 ha ricevuto il Premio Positano "Léonide Massine"; nel 1999 è stata nominata al "Benois de la Danse" per Il lago dei cigni di Tchaikovsky-Barenboim con la coreografia di Patrice Bart per il Staatsoper Unter den Linden di Berlino, 1997; nel 2005 ha vinto a Tokyo il Premio AKIKO TACHIBANA con Raymonda di A.Maki come miglior spettacolo dell’anno.
OPERA
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
27 GIUGNO 19:00
...................................................
29 GIUGNO 15:00
...................................................
BIGLIETTI
biglietti:

prima:
platea I settore € 160,00
platea II settore € 130,00
palchi platea e I ordine centrali € 110,00
palchi platea e I ordine laterali € 90,00
palchi II e III ordine centrali € 90,00
palchi II e III ordine laterali € 70,00
loggione € 50,00

replica:
platea I settore € 90,00
platea II settore € 75,00
palchi platea e I ordine centrali € 65,00
palchi platea e I ordine laterali € 50,00
palchi II e III ordine centrali € 50,00
palchi II e III ordine laterali € 40,00
loggione € 25,00


IL TUO FESTIVAL
Organizza la tua visita al Festival dei 2Mondi
PROGRAMMA
BIGLIETTERIA
TRASPORTI
HOTEL E RISTORANTI



Feed Newsletter Facebook Twitter Pinterest Youtube
CONTATTISITEMAPCREDITIWEBMASTERENGLISH VERSIONPUBBLICITÀ E TRASPARENZA
Informativa sull'utilizzo dei cookie | Informativa sulla privacy
© Fondazione Festival dei Due Mondi ONLUS • PI 01786480549