HOME
EDIZIONE 2015
INFO E BIGLIETTI
NEWS
IL FESTIVAL
AREA STAMPA
GALLERY
ARCHIVIO
SOSTIENICI
ITA • ENG
PROGRAMMA

CALENDARIO

OPERA

DANZA

MUSICA

TEATRO

ARTE

EVENTI
VIDEO DI REPUBBLICA.IT
<
EDIZIONE 2015DANZAVOCES
Sara Baras

VOCES

Suite Flamenca


direzione artistica e coreografia Sara Baras 
composizioni musicali Keko Baldomero
disegno luci Oscar Gmez de los Reyes 
scene Ras Artesanos
costumi Torres-Cosano
con la collaborazione speciale di Carlos Herrera, J. Jiménez "Chaboli" e Sergio Monroy 
ballerini
Sara Baras 
José Serrano artista ospite e coreografo delle sue performance
corpo di ballo Mara Jess Garca Oviedo, Charo Pedraja, Cristina Aldn, Daniel Saltares, David Martn, Alejandro Rodrguez, Mara Jess Garca 
musicisti
direttore musicale Keko Baldomero
chitarre Keko Baldomero, Andrés Martnez 
cantanti Rubio de Pruna, Miguel Rosendo, Israel Fernndez 
percussioni Antonio Surez, Manuel Muoz "Pjaro" 
staff tecnico
direttore tecnico Sergio Sarmiento
direttore di scena Sergio Olivero
tecnico luci Oscar Gmez de los Reyes
suono in sala Sergio Sarmiento
tecnico del suono Andrés Prieto
sarto Adolfo Martnez 
répétitueur Mara José Garca
scarpe Gallardo
ufficio comunicazione Webea Estudio
assistenti alla direzione Patricia Pereyra Baras, José Aguilera 
road manager José Reyes Garrido 
ufficio stampa Ricardo Ladrn de Guevara 
coordinamento generale e management José Luis Pereyra Baras

produzione Saba Danza SL

regolazione luci E.T.C. Italia www.etcconnect.com



Fra le più rinomate e versatili stelle del flamenco, Sara Baras, originaria di Cadice, capitale dell’Andalusia, è celebre in tutto il mondo per la sua incredibile energia e presenza scenica. Ha una carriera di oltre vent’anni e ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il National Prize for Dance nel 2003. 
Con lo spettacolo Voces, suite flamenca, di cui è allo stesso tempo regale interprete e appassionata coreografa, insieme alla sua compagnia, rende omaggio, con un viaggio nella storia del flamenco, ai meravigliosi artisti che hanno fatto conoscere, e amare al mondo intero, questa arte e che grande influenza hanno esercitato sul suo cammino di donna, di coreografa e di ballerina: Paco de Lucia, Camarn de La Isla, Antonio Gades, Enrique Morente, Moraìto e Carmen Amaya. 

"Dalla libertà di un cuore flamenco nasce "Voces". 
Da un cuore che danza la sua musica, che batte al suo ritmo, che prega il vento perché lo ascolti oltre ogni luogo e oltre ogni immaginazione. 
È  una voce che lotta per essere l’eco, l’eco di quelle voci che ci emozionarono, che ci ispirarono, chiare e limpide sorgenti dalle quali ancora oggi continuiamo a bere per nutrire le nostre radici. 
È  la voce che emerge dalla nostra danza, dal nostro canto, dal nostro tocco, la voce che accarezza le tavole del pavimento con i tacchi delle nostre scarpe, che colpisce con la forza incessante delle nostre anime; è una voce che con profondo rispetto e infinita ammirazione, sa solo dire olé e grazie."
Santana De Yepes

programma 

1. LA LLAMA 
musica Cancin de Amor - Paco de Luca 

2. BULERÍA DE CHABO 
Sara Baras - Corpo di ballo
coreografia Sara Baras 
musica J. Jiménez "Chaboli" 

"Il mare è sempre stato e continua ad essere molto importante per me. Non posso esistere senza il mare, ho bisogno del mare come chi cerca una droga o una medicina... 
Fin da giovanissimo avevo compreso che il flamenco era un linguaggio, un linguaggio che si poteva esprimere con un vocabolario di dieci parole, e avevo una teoria, secondo la quale questo vocabolario avrebbe potuto espandersi e così, invece di usare solo dieci parole, se ne sarebbero potute usare migliaia. Perché no in fondo?... A patto che rimanessero intatti lo spirito e l’essenza del flamenco, le sue idiosincrasie, la sua personalità, il suo carattere... 
È più facile saziare la fame piuttosto che la volontà ardente di diventare un bravo chitarrista, possibilmente il migliore questo sì, è davvero difficile, perché lo spirito è insaziabile, impossibile da soddisfare" 
Paco de Luca

3. SEGUIRILLA 
Sara Baras - José Serrano 
coreografia Sara Baras - José Serrano 
musica Keko Baldomero 
parole Rubio de Pruna 

"Il flamenco è il flamenco; è sempre triste, comprendete? Perfino l’amore, anche l’amore sì, nella sua essenza, è triste; ogni cosa si compone di dolore e di gioia, sapete? Credo che tutto dipenda da come ognuno di noi accoglie questi sentimenti e da come li gestisce, non credete? È come per ogni cosa, esattamente come per ogni cosa; bisogna nascere con quel sentimento, con quella consapevolezza, o con quella saggezza, per meglio dire, per riuscire a capire e vedere le cose e la differenza sta nel fatto che devi essere un artista per andare e cantare su un palco, e devi avere, non lo so, una sorta di rispetto per il pubblico, come per il toro... 
Credo che il flamenco continuerà ad esistere, almeno fintanto che sarò vivo io, non vi pare? E dunque io ci sarò Quando incido un disco, non penso a quel che dirà la gente, sapete? Perché so che sul momento non verrà compreso, ci sarà bisogno di un po’ di tempo perché questo succeda Ciò non toglie che non ci si accontenta mai di quello che si fa, si crede sempre di poter fare meglio, non credete?... Alla lunga, si sa, che bene o male che sia andata, è comunque andata... 
Il flamenco contiene in sé una sorta di etica scolastica, nulla di più: puoi riuscire a comunicare oppure no essere promosso oppure no..." 
Camarn de la Isla

4. TARANTA 
Sara Baras 
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 
parole Rubio de Pruna, Keko Baldomero 

"La tecnica sicuramente gioca un ruolo importante che richiede molto studio, ma è come guidare; quello a cui si punta è che la tecnica non si riduca ad un’azione di testa, quanto piuttosto che diventi un riflesso incondizionato, così da poter esprimere al meglio i sentimenti... 
Non mi arrenderò con i miei colleghi: quando chiedo loro qualcosa, è perché so che possono farcela. Non chiedo loro mai più di quanto credo possano dare; pretendo molto anche da me stesso, sicuramente molto più che dagli altri. Credo che l’uomo, che tutti gli esseri umani, debbano, con dignità, sfruttare appieno tutte le capacità di cui dispongono. Questa non è una professione che ti rende ricco o più bello, o per la quale sarai encomiato. È una professione che rappresenta una cultura, un lavoro intenso, e che sia anche arte, poi si vedrà... 
E sempre più si va dimenticando la ragione per la quale l’essere umano balli il flamenco; l’uomo lo ha sempre ballato in virtù di una disposizione dell’animo, perché era triste, perché era felice, per il desiderio di lottare e faticare, per questo ballava..." 
Antonio Gades

5. LAS CÁRMENES 
Corpo di ballo
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 

6. ROMANCE DEL NEGRO DEL PUERTO 
Rubio de Pruna

7. FARRUCA 
Sara Baras 
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 

"Nel flamenco non ci sono maestri, ci sono solo discepoli. Ed io appartengo a una generazione dove non c’erano maestri... 
La musica migliore che doveva giungere dalla scuola del flamenco è già stata scritta; è stata già creata, ed è diversa da quella del flamenco attuale, dal flamenco che viene composto oggi. Naturalmente, l’artista deve vivere nella sua realtà, nel mondo che gli appartiene... 
Non credo che l’arte debba essere sottoposta a restrizioni; l’arte deve essere lasciata libera. Ogni cosa è possibile, e quello che conta è il risultato... Quanto più il flamenco è universalmente riconosciuto, tanto più esso diviene grande. Non dobbiamo essere pessimisti, ma ottimisti e incoraggiare le generazioni più giovani... 
Preferisco di gran lunga essere libero piuttosto che esageratamente stretto in un’etichetta che non racconti né trasmetta nulla...
Enrique Morente

8. TIENTOS 
Corpo di ballo
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 
parole Keko Baldomero 

9. SOLEÁ 
José Serrano 
coreografia José Serrano 
musica Keko Baldomero 
parole Rubio de Pruna, Keko Baldomero 

"A volte questo dolore compiace l’anima; il suo spirito dà piacere perché a volte il dolore è necessario per l’anima. Non tutto è allegria. Il dolore fortifica e, come diceva Anica la Piriaca, quando canto, la mia bocca ha il sapore del sangue’
Il popolo gitano, con tutte le sofferenze che si porta dentro, trova probabilmente sollievo attraverso il canto del flamenco; penso che il flamenco sia proprio l’espressione dei sentimenti di questa gente che si libera finalmente della rabbia accumulata negli anni. 
Non credo di essere troppo vecchio; non sono troppo vecchio per parlare di tutto ciò; parlo di ciò che davvero conosco; per questo parlo con tanta sicurezza. È quanto ho ascoltato, ho visto e ho sperimentato nel breve spazio di tempo in cui ho vissuto nel mondo del  flamenco, nella mia famiglia, nel mio paese. Parlo di quanto conosco e di quanto ho vissuto, di ciò che conosco e di ciò che ho ascoltato..." 
Morato

10. SOLEÁ POR BULERÍA 
Sara Baras 
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 
parole Rubio de Pruna, Keko Baldomero 

11. BULERÍA 
Sara Baras - José Serrano Corpo di ballo
coreografia Sara Baras 
musica Keko Baldomero 
parole Rubio de Pruna, Keko Baldomero 


SARA BARAS
Più di venti anni fa Sara Baras comincia il suo viaggio per i palcoscenici del mondo. I suoi esordi, a Cadice, la sua terra, sono parte della sua storia e il primo anello della catena della sua carriera è rappresentato da colei che è stata il suo primo maestro e che maggiormente ha influenzato il suo cammino professionale: sua madre Concha Baras. Ha studiato inoltre con rinomati maestri quali Ciro, Manolete, El Gito, Dania Gonzalez. Fra il 1988 il 1998 è artista ospite presso le compagnie: Antonio Canales, partecipando agli spettacoli Gitano, Torero, A Cuerda y Tacn, Races e Romancero Gitano; Eduardo Serrano "El Gito" in Races Flamencas; Rancapino and Family in Poniente de la Baha; Merche Esmeralda in Mujeres; Javier Barn in Mira que flamenco; Paco Pea in Flamenco Fire; Paco Moyano in Rayo de Luna; Manuel Morao in Esa forma de vivir. Nel 1998 forma la sua compagnia Ballet Flamenco Sara Baras, e crea numerose produzioni: Sensaciones rappresentato per la prima volta nel 1998 all’Auditorio de Murcia; Cdiz-La Isla nel 1998 al Teatro de la Maestranza de Sevilla (X Bienal de Flamenco); Sueos nel 1999 al Teatro Villamarta de Jerez (Festival Flamenco); Juana La loca nel 2000 al Teatro de la Maestranza de Sevilla (XI Bienal de Flamenco); Mariana Pineda nel 2002 al Teatro de la Maestranza de Sevilla (XII Bienal de Flamenco); Sabores nel 2005 al Theatre des Champs-Elysées de Pars; Baras-Carreras nel 2006 al Festival de Els Jardins de Cap Roig; Carmen nel 2007 al Gran Teatre Liceu de Barcelona; Esencia nel 2009 al Theatre des Champs-Elysées de Pars. Nel cinema, prende parte ai film Flamenco, Flamenco (2010) e Iberia (2005) di Carlos Saura ed è la protagonista del film Flamenco Woman di Mike Figgis (1997). Per la televisione presenta il programma Algo ms que flamenco di TVE2 (1998). In pubblicità è stata l’immagine di: Freixent (2011); Kinder (2008); Carbonell (2004); Centenario Cruzcampo insieme con Paco de Luca (2004); El Corte Inglés (2003); campagna Filodoro, Segretissimo (2003); La Cara de Andaluca per Turismo de Andaluca (2002); Campagna per la prevenzione degli incendi nelle foreste per la Junta de Andaluca (2002); Magno con Fernando Schwartz e Liberto Rabal (2001); Cartier per un catalogo di gioielli (1999); Triumph (1998). Collabora inoltre per: due videoclip di Luz Casal - Historia de un amor e Con mil desengaos, con José Serrano (2009); con Tim Ries al suo ultimo album, Rolling Stones Project II (2008); con Chavela Vargas in numerosi concerti - International Festival of Guanajuato Theatre (Mexico), Iberoamericano Festival al Teatro de Bogot, nel Luna Park di Buenos Aires, nella casa natale di Federico Garca Lorca a Granada, e al Teatro Falla di Cadice (2003/2004); balla per la cerimonia di premiazione di "Premios Protagonistas" (2003) con Luis del Olmo e presenta il premio per Julio Iglesias; per il concerto di Alejandro Sanz, nell’ultima tappa del tour El alma al aire nello stadio Vicente Caldern Stadium, Madrid (2001); con Celia Cruz, Lucrecia e Paquito de Rivera in un concerto a La Riviera (2001); con Ainoa Arteta al Teatro de la Zarzuela di Madrid (2000); con Isabel Rey e Rosa Torres Pardo al I Festival del Milleni di Barcellona (1999); balla al fashion show di Amaya Arzuaga durante la London Fashion Week (1999); si esibisce con il grande violoncellista Rostropovich al Festival di Evian (1998); alla sfilata di Francis Montesinos sulle passerelle di Cibeles, Madrid e Lisbona (1997). Nella sua carriera ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti.
DANZA
Teatro Romano
27 GIUGNO 21:15
...................................................
28 GIUGNO 21:15
...................................................
BIGLIETTI
posto unico centrale € 55,00
posto unico laterale € 48,00

durata:
2 ore


IL TUO FESTIVAL
Organizza la tua visita al Festival dei 2Mondi
PROGRAMMA
BIGLIETTERIA
TRASPORTI
HOTEL E RISTORANTI
Feed Newsletter Facebook Twitter Pinterest Youtube

CONTATTISITEMAPCREDITIWEBMASTERENGLISH VERSIONAMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
Informativa sull'utilizzo dei cookie | Informativa sulla privacy
 
© Fondazione Festival dei Due Mondi ONLUS • PI 01786480549