Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Eastern Pictures

direttore Alvise Casellati

Piazza Duomo

    giovedì 08 Luglio Ore 20:30

Biglietti:
I settore piazza € 35
I settore scalinata € 25

Acquista online la promozione Concerto & Cena selezionando “ridotto cena” dal listino I settore Piazza e riserva il ristorante preferito tra quelli in elenco. Disponibilità fino ad esaurimento dei posti.

Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia

direttore

Alvise Casellati

Choral Hymns
from the Rig Veda
terzo gruppo
per coro femminile e arpa

Two Eastern Pictures
Spring, Summer
su testi di Kālidāsa
per coro femminile e arpa

Gustav Holst

Amao omi
Guerra insensata
per coro misto, soprano solo e quartetto di sassofoni

Giya Kancheli

Chichester Psalms
per soprano, alto, tenore, basso
coro misto, arpa, organo e percussioni

Leonard Bernstein

Durata: 1 ora

Nel 1965, anno sabbatico dal suo ruolo di Direttore Musicale della New York Philharmonic, Leonard Bernstein scrive i Chichester Psalms per il Festival dell’omonima Cattedrale nel Sussex: le forze del coro, cui sono affidati i Salmi in lingua ebraica, si sommano alle sonorità di organo, arpa e percussioni; una scrittura vocale che rievoca la liturgia si combina con elementi contemporanei e jazz, riuscendo a portare in questa musica «qualcosa di West Side Story». La stessa cattedrale di Chichester custodisce le ceneri di Gustav Holst, compositore e direttore d’orchestra inglese. Tra il 1895 e il 1914 Holst si appassiona al misticismo Indiano e Orientale al punto che riferimenti a questa tradizione si ritrovano in moltissime composizioni del cosiddetto “Sanskrit Period”: come gli inni sacri del Rig Veda, uno dei grandi testi dell’induismo, e i testi del poeta e drammaturgo indiano Kālidāsa. Amao Omi (guerra insensata) del compositore georgiano Giya Kancheli è un omaggio alla tradizione folklorica della sua nazione, le voci del coro rievocano i canti monastici ortodossi e bizantini accanto al soprano e al quartetto di sassofoni. Quella di Kancheli è una musica densa di spiritualità e di contrasti, il compositore russo Rodion Shchedrin l’ha definito «un asceta con il temperamento di un massimalista, un Vesuvio sobrio».

Libretto di sala