Storia

1956

Gian Carlo Menotti, in agosto, rilascia un’intervista al giornale L’Arena di Verona e conferma che Spoleto sarebbe stata la sede del Festival dei Due Mondi.

Menotti ha posto gli occhi su Spoleto, una cittadina tranquilla che ha già una tradizione teatrale […] il progetto è veramente interessante e può riuscire.

1958

Il 5 giugno ha inizio il primo Festival dei Due Mondi con il Macbeth di Giuseppe Verdi per la regia di Luchino Visconti, scene e costumi di Piero Tosi, direttore d’orchestra Thomas Schippers.

1959

Il 29 giugno, per la prima volta, Piazza Duomo ospita uno spettacolo del Festival con la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, diretta da Thomas Schippers.

1959

Al Teatro Nuovo va in scena il “balletto in silenzio” Moves di Jerome Robbins, rappresentato in prima mondiale assoluta.

Un tentativo di rinunciare alla guida della musica. Unicamente la danza deve agire sugli spettatori mediante l’intrinseco linguaggio del
movimento e delle figurazioni, senza neppure il sussidio dello scenario e dei costumi.

1959

Louis Armstrong non partecipa allo Spoleto show in programma al Festival perché, il 23 giugno, viene ricoverato d’urgenza all’Ospedale di Spoleto per polmonite acuta.

1959

Gian Carlo Menotti diventa cittadino onorario di Spoleto e la stampa lo proclama Duca di Spoleto.

1960

Al 3° Festival dei Due Mondi inaugura la serie dei Concerti di Mezzogiorno diretti da Charles Wadsworth.

1960

Pina Bausch debutta sul palco del Festival con il New American Ballets.

1960

Per la prima volta il Festival si chiude in Piazza Duomo con la Messa solenne in re minore di Luigi Cherubini per Soli, Coro e Orchestra diretta da Thomas Schippers.

1962

Il 5° Festival dei Due Mondi vede il debutto spoletino di Carla Fracci.

1962

Inaugura Sculture nella città. Spoleto 1962, la mostra ideata e curata da Giovanni Carandente, che porta nella cittadina umbra alcuni tra i più noti scultori del XX secolo, per un totale di oltre 100 sculture collocate in tutti gli angoli di Spoleto.

1967

Il Festival compie 10 anni. Fun Fact: per errore, il manifesto celebrativo, firmato da Richard Lindner, viene fatto stampare sbagliando la data di nascita del Festival: 1957 anziché 1958.

1967

Presso la Sala XVII Settembre va in scena Il Principe Costante di Calderon De La Barca con il Teatro Laboratorio 13 Rzedow di Jerzi Grotowski. Questo spettacolo richiama tutto il mondo della cultura e del teatro e nel pubblico vengono notati, fra gli altri, Pier Paolo Pasolini, Anna Magnani, Dacia Maraini e Alberto Moravia.

1968

L’artista bulgaro Boris Christo “impacchetta”, con corda e tela, la Torre dei Molini e la Fontana di Piazza del Mercato.

1968

Va in scena al Festival, per la prima volta, un’opera di Gian Carlo Menotti: La Santa di Bleecker Street.

1968

Gian Carlo Menotti diventa Presidente del Festival dei Due Mondi, direttore artistico viene nominato Massimo Bogianckino.

1968

Un giovanissimo Al Pacino debutta al Festival nel trittico The Indian Wants The Bronx | It’s Called The Sugar Plum | Chiaroscuro di Israel Horovitz.

1969

Nell’ex Chiesa di San Nicolò va in scena, in prima assoluta, l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto nella celebre versione di Luca Ronconi.

1969

Nasce Spoleto Cinema, di cui Luchino Visconti è presidente «per promuovere a livello internazionale la conoscenza e la diffusione dell’arte e della cultura cinematografica».

1972

Romolo Valli viene proclamato direttore artistico del Festival.

1973

Luchino Visconti mette in scena la memorabile Manon Lescaut di Giacomo Puccini, un successo talmente clamoroso da venire replicata l’anno successivo.

1974

Dopo lunghi e meticolosi lavori di restauro, il 5 luglio il Teatro romano ospita il suo primo spettacolo con la prima della Compagnia di Balletto di Annie Beranger.

1974

Roman Polanski realizza Lulu di Alban Berg, con la direzione di Christopher Keene che guida la debuttante Spoleto Festival Orchestra USA.

1975

Il concerto finale della XVIII edizione del Festival è l’ultimo diretto da Thomas Schippers che lascia definitivamente l’incarico di direttore musicale del Festival.

1977

Va in scena il primo Spoleto Festival di Charleston.

1977

Il XX Festival dei Due Mondi si apre con la trasposizione operistica di Napoli milionaria di Eduardo De Filippo, che ne cura anche la regia, e musica di Nino Rota.

1977

Muore Thomas Schippers e, assecondando le sue volontà, le sue ceneri vengono tumulate, nel maggio del 1979, in Piazza Duomo a Spoleto, luogo in cui il direttore d’orchestra conobbe l’ammirazione e il plauso di tutto il mondo artistico.

1978

A Settembre Romolo Valli si dimette e nuovo direttore artistico viene nominato il barone Raffaello De Banfield.

1982

Il Festival festeggia le “nozze d’argento”. La XXV edizione si apre con Il Vascello fantasma di Richard Wagner, diretto da Christian Badea con la regia di Franz Marijnen.

1982

Jerome Robbins torna al Festival dopo 10 anni di assenza presentando una grande serata di balletti con i danzatori dell’American Ballet Theatre diretto da Mikhail Baryshnikov che si esibisce in una coreografia di Robbins.

1982

La Rocca Albornoziana, non ancora completamente dismessa come Casa di reclusione, viene utilizzata per la prima volta come luogo di spettacolo per ospitare Vigilanza sorvegliata di Jean Genet, interpretata dai detenuti del carcere romano di Rebibbia.

1984

Si inaugura a Spoleto un nuovo spazio teatrale, la Sala Frau, con lo spettacolo Freshwater che vede in scena, fra gli altri interpreti, Eugène Ionesco.

1986

Dopo Spoleto e Charleston, il 15 settembre inaugura lo Spoleto Melbourne – Festival of Three Worlds.

1994

Francis Menotti viene nominato Presidente del Festival dei Due Mondi.

1995

La nuova stella del flamenco Joaquin Cortés si esibisce in Pàsion Gitana.

1997

Il Festival compie quarant’anni e, fra i tanti, a celebrarlo è Luciano Pavarotti con il suo Pavarotti in Piazza.

1998

Novità di questa edizione è lo Spoleto Jazz, grande successo soprattutto grazie alla presenza della più grande interprete di musica jazz Betty Carter.

1999

Francis Menotti viene nominato direttore artistico del Festival dei Due Mondi.

2007

Il 1° febbraio Gian Carlo Menotti, fondatore e ideatore del Festival dei Due Mondi, muore a Montecarlo.

2008

Giorgio Ferrara viene nominato Presidente della Fondazione Festival dei Due Mondi e direttore artistico del Festival.

2008

Con lo spettacolo L’opera da tre soldi inizia il proficuo rapporto fra il festival e Robert Wilson che presenterà, nelle successive edizioni, grandi successi come Giorni Felici, L’ultimo nastro di Krapp (2009), Shakespeare’s Sonette (2010), Lulu (2012), The Old Woman (2013), Peter Pan (2014), Letter to a Man (2015), Lecture On Nothing (2016), Hamlet Machine (2017).

2008

Luca Ronconi torna al festival con le sue Lezioni. Il rapporto col festival proseguirà anche negli anni successivi con Un altro gabbiano (2009), La modestia (2011), In cerca d’autore. Studio sui Sei personaggi (2012), Pornografia (2013), Danza Macabra (2014).

2009

Attesissima al 52° Festival dei Due Mondi con il suo Bamboo Blues, Pina Bausch muore il 30 giugno. La sua compagnia, il Tanztheater Wuppertal, decide di andare comunque in scena il 4 luglio regalando al pubblico del festival una commovente e coinvolgente interpretazione.

2009

Con l’intento di promuovere i talenti del futuro, nasce il Progetto Accademia con protagonisti i giovani attori, registi e drammaturghi dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico.

2015

Debutta con Così fan tutte la trilogia mozartiana, prodotta dal Festival dei Due Mondi, per la regia di Giorgio Ferrara, che proseguirà nel 2016 con Le Nozze di Figaro e nel 2017 con Don Giovanni. Direttore James Conlon e scene dei premi Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.

2016

Per la prima volta sul palco di Piazza Duomo, Riccardo Muti dirige il Concerto Finale della 60° edizione del Festival.

2019

Jean Paul Gaultier travolge il pubblico del Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti col suo eccentrico ed esuberante Fashion Freak Show.

2020

Il 1° settembre, Monique Veaute viene nominata direttrice artistica del Festival dei Due Mondi.