Gira il tuo Smartphone
Turn your Smartphone
Logo new website Molteni Vernici
65

Alexander Vantournhout/not standing

Through the Grapevine

da
Saturday
25
June
2022
ore
21:30
da
2022
ore
a
Sunday
26
June
Ore
21:30
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
Danza

Sinossi

Alexander Vantournhout, classe 1989, è tra i coreografi più interessanti della nuova generazione. Due costanti ricorrono all’interno delle sue creazioni artistiche: la ricerca del potenziale creativo e cinetico nella fisicità e l’indagine su molti aspetti della relazione tra performer e oggetto. In pochi anni ha sviluppato un linguaggio coreografico unico che attinge a tecniche di danza, arti marziali, circo, yoga.

Through the Grapevine, settimo lavoro dopo La Rose en Céramique (2018) e Raphael (2017), è anche il primo duetto del coreografo belga, eseguito dall’autore insieme con Axel Guérin, già partner per Red Haired Men (2018). Un eccentrico pas de deux, in cui il corpo viene esibito nella sua forma più pura, mentre la performance scava nel potenziale creativo e cinetico dei suoi limiti fisici.

Con grande concentrazione i due cercano l’equilibrio e l’armonia non rinunciando all’umorismo. Si sfidano a vicenda attraverso un costante contatto fisico, mentre la dialettica tra toccare ed essere toccati si dispiega come elemento centrale della performance.

Crediti

Programma

CONCEPT E COREOGRAFIA

Alexander Vantournhout

CON

Axel Guérin e Alexander Vantournhout

ASSISTENTE COREOGRAFO

Emmi Väisänen

COMPOSITORE

Andrea Belfi

DRAMMATURGIA

Rudi Laermans

IDEAZIONE LUCI

Caroline Mathieu

PROGETTO LUCI

Harry Cole

TECNICA

Rinus Samyn

COSTUMI

Anne-Catherine Kunz

CONCEPT SCENOGRAFIA

Bjorn Verlinde

SUPERVISIONE

Anneleen Keppens, Maria Ferreira Silva

UN RINGRAZIAMENTO A

Sébastien Hendrickx, Vera Tussing, Esse Vanderbruggen

DISTRIBUZIONE

Frans Brood Productions

MANAGER DI COMPAGNIA

Esther Maas

MANAGER DI PRODUZIONE

Aïda Gabriëls

coproduttori Arts Centre Vooruit, Ghent (BE), PERPLX, Marke (BE), CENTQUATRE-PARIS (FR), Cirque-théâtre Elbeuf (FR), Subsistances Lyon (FR), Théâtre de la Ville de Luxembourg Luxembourg (LU), MA scène nationale – Pays de Montbéliard (FR), Les Hivernales CDCN Avignon (FR), Malpertuis Tielt (BE), Theater Freiburg (DE), Théâtre des Quatre Saisons Gradignan (FR), Théâtre de l’Arsenal Val-de-Reuil (FR)

residenze les ballets C de la B Ghent (BE), Arts Centre Vooruit Ghent (BE), STUK Leuven (BE), Subsistances Lyon (FR), Wood Cube Roeselare (BE), Workspacebrussels Brussels (BE)

residenze cancellate causa Covid-19 Arts Printing House Vilnius (LT) Oerol Ter Schelling (NL), Le Gymnase CDCN Roubaix (FR), Grand Théâtre Groningen (NL)

produzione not standing

con il supporto delle autorità fiamminghe

Alexander Vantournhout è un artista in residenza presso l’Arts Centre Vooruit in Ghent, artista associato del CENTQUATRE Paris e Cirque-théâtre Elbeuf e ambasciatore culturale della Città di Roeselare

Alexander Vantournhout è supportato dalla Fondation BNP Paribas per lo sviluppo dei suoi progetti

Programma di Sala

scarica pdf

Through the Grapevine

Through the Grapevine è una coreografia per due danzatori che pone al centro della propria ricerca la complessità della struttura corporea umana – pseudo-simmetrica rispetto all’asse verticale – e delle sue proporzioni.

Con questa produzione, Alexander Vantournhout e Axel Guérin – collaboratori di lunga data e, nei crediti dello spettacolo, rispettivamente coreografo/creatore/interprete e creatore/ interprete – avviano un’esplorazione che unisce un’accurata ricerca formale, di natura squisitamente coreografica, con un approfondimento che è in grado di fare luce sulla connessione tra la forma del corpo umano, la sua capacità di movimento e la relazione con l’altro che da questa origina e deriva.

Si tratta di una coreografia finemente cesellata e costellata di virtuosismi che instaura un rapporto carnale con l’organicità del corpo osservato dalla prospettiva dell’anatomia, delle sue possibilità e dei suoi limiti. Così si assiste a una danza che, atleticamente, evolve approfondendo, anche in chiave ironica, il proprio punto di partenza: lo studio e la mise en jeu del corpo e delle sue proporzioni formali. Non è di certo un caso se, quando mi ha raccontato della genesi dello spettacolo creato a cavallo dei vari lockdown del 2020, Alexander Vantournhout ha fatto subito riferimento all’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci.

Le proporzioni sono intese dal coreografo, nato nel 1989 e diplomato alla scuola di coreografia PARTS di Bruxelles fondata da Anne Teresa De Keersmaeker, come assi portanti e tuttavia implicite del design corporeo e del suo movimento nello spazio. Questi elementi, strettamente interconnessi tra loro, rappresentano il focus della ricerca e sono rintracciabili nell’insieme delle sue produzioni. Secondo la sua prospettiva il corpo sembra potersi intendere, innanzitutto, come strumento principale per l’accesso al mondo e alla sua comprensione, ma anche come mezzo originario capace di instaurare relazioni con gli altri individui e con l’ambiente. Osservando il percorso tracciato dalle creazioni di Vantournhout fino ad oggi, una decina di proposte prodotte attraverso la sua compagnia not standing, si nota come la sua si possa descrivere a tutti gli effetti come una danza che si concentra in maniera chiara sul corpo, sulle sue possibilità, capacità e funzioni.

Nella sua prima produzione, l’assolo autobiografico Aneckxander (2015) creato insieme a Bauke Lievens, il corpo del coreografo-danzatore veniva esplorato in relazione a una selezione di oggetti che – grazie alle loro forme e dimensioni, e integrandosi al corpo stesso come le scarpe fanno, per esempio, quando vengono indossate ai piedi – permettono di estendere il movimento, di modificarlo e di aumentare o ridurre, con effetti tragici, grotteschi o comici a seconda dei casi, le possibilità di movimento stesso. Se le proporzioni sono l’oggetto della ricerca di Through the Grapevine, analogamente, le possibilità di movimento che nascono da un gesto sociale quale è la stretta di mano sono il motore di Snakearms (2021). Queste sono due ricerche coreografiche di Vantournhout “attigue”, tematicamente e cronologicamente, e si concentrano sugli esiti di indagini che nascono da dinamiche anatomiche. Più di recente, invece, la direzione intrapresa dal coreografo sembra orientata allo studio del concetto di impronta: il focus non è più su qualcosa che è parte integrante del corpo stesso, ma sull’effetto della sua presenza e del suo essere in uno stato di movimento. In Contre-jour (2021), infatti, la ricerca dà adito a una dimensione più contemplativa, dove la traccia è quella lasciata da cinque danzatori su un tappeto di sabbia che ricopre la scena e che viene “tracciata” dai movimenti della coreografia.

La particolarità di Through the Grapevine risiede nella scelta di considerare il corpo sia come oggetto di studio – con le sue infinite, misteriose geometrie – sia come soggetto, capace di osservare se stesso e di misurarsi nella relazione con l’altro. Per il coreografo non si è trattato di focalizzarsi su di sé e sul proprio corpo; non si tratta di un approccio meramente autobiografico. Al contrario, viene messa alla prova la struttura fisica in un virtuosismo di coppia che sa stemperare con sincera ironia il gioco delle somiglianze e i suoi effetti. In scena non troviamo né l’applicazione di una regola né la ricerca di ideali: il corpo non è eletto a misura assoluta, ma è trattato come una materia organica disponibile, flessibile e sempre contingente. In questo senso, la presenza dell’altro è ciò che continuamente impedisce a una misura, di una qualsiasi delle sezioni del corpo, di darsi come assoluto e come parametro ideale e definitivo. Il corpo qui è trattato, attraverso la scrittura coreografica, come un’architettura modulare, un sistema di movimento che svela ciò che va oltre la forma. Il corpo, infine, non si propone come una struttura anatomica portante dalla quale l’umanità si lascia semplicemente avvolgere o rappresentare, ma a partire dalla quale essa si mostra e si dispiega.

La danza, come il corpo, è un campo ludico, di sperimentazione e ricerca. Nella coreografia, i due danzatori in scena scivolano in un gioco infinito e vertiginoso. La coreografia, scrittura-del-corpo, prende corpo, letteralmente, nella vertigine della dischiusura del mistero delle geometrie iscritte nella struttura umana, e nell’interdipendenza quasi sacra delle relazioni che ogni parte intrattiene con l’insieme. Le forme che i corpi scolpiscono nello spazio servono allora a svelare ciò che a prima vista non appare: i due danzatori hanno una presenza a tutti gli effetti somigliante, eppure basta un centimetro in meno nella lunghezza di un braccio per non far tornare i conti. Le regole del gioco della somiglianza e della differenza sono oggetto d’indagine e motore della danza. Esse mettono alla prova il corpo, lo modellano e, soprattutto, lo rivelano da un punto di vista sorprendente. Quintessenza del lavoro, al pari di un precipitato nel quale è possibile leggere “ciò che rimane” di una ricerca che nasce formale, è la relazione e tutto quello che la compresenza di due corpi maschili può raccontare a chi osserva.

Alexander Vantournhout e Axel Guérin sembrano essere assorbiti nel vortice dei segreti che ogni corpo nasconde, ogni loro movimento apre uno scenario potenzialmente nuovo, incalzando così la drammaturgia creata insieme al dramaturg Rudi Laermans e la composizione musicale di Andrea Belfi. Così presentato e vissuto, il corpo, di per sé individuale, effettua un passaggio che si potrebbe quasi definire “di stato”: da unità di misura di un mondo singolare esso diventa lente di osservazione e chiave d’accesso all’ambiente circostante e all’altro. Si può forse immaginare che nella ricerca di somiglianze e nell’osservazione delle proporzioni Vantournhout ci stia mostrando come, proprio nella struttura organica di ogni corpo sia possibile dare pace e accogliere ogni diversità.

Gaia Clotilde Chernetich

scarica pdf

Date & Biglietti

INFO BIGLIETTERIA
Sat
25
Jun
2022
ore
21:30
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
Orari Evento
28 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
29 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
30 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
01 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
15:30
16:30
17:45
20:30
21:30
02 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45
04 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
05 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
06 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
07 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
08 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
20:45
21:45
09 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45

Playlist

Immagini

No items found.

Immagini

No items found.

Video

No items found.

Biografie

Axel Guérin

Axel Guerin studia danza acrodance con Winston Reynolds a Circomedia, Bristol (UK) (Centre for Contemporary Circus and Physical Theatre) e si specializza in acrobatica e teatro fisico. Prosegue poi i suoi studi all'ACAPE (Academy of Circus and Performance Arts) dove Alexander Vantournhout era al tempo docente ospite. Lavora con diversi coreografi come Florentina Holzinger, Mor Shani, Marc Van Loon e Janni van Goor (Kopergietery). È associato al NofitState Circus per diversi progetti ed è uno dei performer di Red Haired Men (2018), prima creazione di gruppo di Alexander Vantournhout.

Alexander Vantournhout

Anche il suo primo duetto Raphael (2017) è stato co-creato con Bauke Lievens. Nel 2018, Alexander Vantournhout crea La Rose en Céramique, un assolo di danza realizzato per affiancare all’assolo teatrale di Scali Delpeyrat al Festival di Avignone. Il suo primo pezzo per quattro danzatori, Red Haired Men, è stato concepito poco dopo. In Screws, creato nel 2019, Alexander Vantournhout guida il pubblico, accompagnato da 4 danzatori-acrobati, in un viaggio di micro-performance, che vanno da brevi assoli e duetti a coreografie di gruppo. Con Through the Grapevine (2020), Alexander Vantournhout ritorna al duetto. Questo è il suo primo vero duetto ed è in qualche misura ispirato al tema di Aneckxander (2015). Il corpo è riproposto in modo molto puro e la performance si immerge nel potenziale creativo e cinetico dei limiti fisici, un tema che si riflette in tutto il lavoro di Alexander Vantournhout. In Contre-jour (2021) Alexander Vantournhout assume per la prima volta il ruolo di coreografo e dà la parola a un gruppo di cinque performer provenienti da diversi ambiti: danza, teatro musicale, circo, ecc. La prima ha luogo nel novembre 2021 al CENTQUATRE di Parigi. Aneckxander (2016) così come Screws (2020), Through the Grapevine (2021) e Snakearms (2021) sono stati selezionati per il TheaterFestival, il premio per gli spettacoli belgi più interessanti. Alexander Vantournhout è artista in residenza al Vooruit Art Centre di Gand, artista associato del CENTQUATRE di Parigi e del Cirque-théâtre Elbeuf. È ambasciatore culturale della città di Roeselare. Alexander Vantournhout è sostenuto dalla Fondazione BNP Paribas per lo sviluppo dei suoi progetti.

Axel Guérin

Rassegna Stampa

No items found.

Eventi correlati

No items found.

Eventi nella stessa Categoria

65

PROGRAMMA COMPLETO
Le Sacre du printemps / common ground[s]

Pina Bausch /

Germaine Acogny & Malou Airaudo

24
June
2022
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Toná

Luz Arcas / La Phármaco

8
July
2022
Auditorium della Stella
WEG

Ayelen Parolin / RUDA

1
July
2022
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Mystery Sonatas - for Rosa

Anne Teresa De Keersmaeker

7
July
2022
Teatro Romano