Gira il tuo Smartphone
Turn your Smartphone
Logo new website Molteni Vernici
65

Leonardo Lidi

Il gabbiano

Progetto Čechov - prima tappa

da
Thursday
7
July
2022
ore
19:00
da
2022
ore
a
Saturday
9
July
Ore
16:00
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
Teatro

Sinossi

Dopo il successo ottenuto con La signorina Giulia, Leonardo Lidi torna al Festival dei Due Mondi con un altro grande classico del teatro moderno: Il gabbiano, capolavoro di Anton Čechov, nuova produzione dal Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione col Festival dei Due Mondi.

Capovolgendone il punto di vista, Lidi racconta la storia di un Gabbiano che viene ucciso per la mano vigliacca di un giovane in riva al lago. «Se il pennuto fosse ancora in vita, e soprattutto se potesse parlare» commenta il regista «avrebbe tutto il diritto di chiedere al suo assassino, il giovane Kostantin, il perché di tanta ingiustificata cattiveria. E Kostantin, dall’alto del suo misero dolore, potrebbe balbettare qualcosa sulla sua infelicità, sul suo continuo fallimento, e su quanto non sia corrisposto dalla giovane Nina».

Ispirato in questo suo ultimo lavoro dalle canzoni di Enzo Jannacci, in particolare da Ecco tutto qui, Leonardo Lidi ci mostra come l’amore, il «maledetto amore», sia alibi e distruttore in un mondo in cui la cattiveria «lascia sempre qualcuno a ballare con la scopa».

Il lago, sulle cui rive si consuma la tragedia, racchiude l’amore di personaggi distratti, nessun protagonista, gente che si annoia e che un po’ annoia anche noi, individui non troppo interessanti, vestiti con “pantaloni a scacchi e scarpe bucate”.

«Anton Čechov» – conclude Lidi – «mi fa comprendere che alla fine non c’è niente da vincere e che nessuna situazione si può gestire fino in fondo, mi rassicura e mi abbraccia raccontandomi che il mordente è roba giovanilistica e che questa mania di controllo che tanto ci tranquillizza va mandata lentamente a quel paese».

Crediti

Programma

REGIA

Leonardo Lidi

CON (IN O.A.)

Giordano Agrusta, Maurizio Cardillo, Ilaria Falini, Christian La Rosa, Angela Malfitano, Francesca Mazza, Orietta Notari, Tino Rossi, Massimiliano Speziani, Giuliana Vigogna

SCENE E LUCI

Nicolas Bovey

COSTUMI

Aurora Damanti

MUSICHE E SUONO

Franco Visioli

ASSISTENTE ALLA REGIA

Noemi Grasso

produzione Teatro Stabile dell’Umbria, ERT / Teatro nazionale, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
in collaborazione con Spoleto Festival dei Due Mondi

Programma di Sala

scarica pdf

Il gabbiano

Il gabbiano va in scena per la prima volta a San Pietroburgo il 17 ottobre del 1896. È un disastro. Nella prefazione del libro Anton Čechov. Vita attraverso le lettere (Einaudi), Natalia Ginzburg scrive: «La gente rideva nei momenti più drammatici. Ogni frase era accolta con fischi e con urla assordanti. Gli attori recitavano atterriti (l’ostilità del pubblico aveva a tal punto intimidito l’attrice Vera Komissarževskaja, nel ruolo di Nina, da farle perdere la voce, ndr), ciascuno dimenticava le proprie battute, ciascuno era immemore della propria parte.

Alla fine del secondo atto Čechov se ne andò. Mangiò qualcosa in un ristorante, solo. Poi si mise a camminare per le strade piene di neve. (…) L’indomani prese un treno per Mosca». Tre giorni dopo, vi fu una seconda rappresentazione, e andò bene. Un «successo colossale».

Ma a San Pietroburgo Čechov non tornò. «Quella sera, con le urla e le risate e i fischi, non l’aveva cancellata dalla memoria».

Due anni dopo, un vecchio amico di Čechov, Nemirovič-Dančenko, professore d’arte drammatica, gli scrisse una lettera. Con il regista e attore Stanislavskij aveva fondato un teatro, chiamato “Teatro d’arte popolare” che poco dopo avrebbe cambiato il nome in “Teatro d’Arte di Mosca”. Intendeva mettere in scena Il gabbiano. Čechov dapprima rifiutò, il ricordo delle risate e dei fischi «ancora lo lacerava», ma alla fine acconsentì. Il 17 gennaio del 1989 lo spettacolo debutta al Teatro dell’Arte. Ed è un trionfo.

Čechov riesce a essere «contemporaneo» come pochi altri scrittori di teatro, per i temi affrontati nelle sue «commedie» e per quel senso di inquietudine, di inadeguatezza – di «fuori sincrono», dissonante rispetto al proprio tempo – che i suoi personaggi ci trasmettono. Oggi più che mai. Dice Leonardo Lidi, attore e regista che firma adattamento e regia della nuova produzione del Teatro Stabile dell’Umbria con ERT / Teatro Nazionale e il Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, in collaborazione col Festival dei Due Mondi: «Il gabbiano è il testo che mi ha veramente fatto innamorare del teatro, il mio preferito di sempre. È vero, lo dico di tante opere, ma in questo lavoro riesco a identificare tutto quello che del teatro mi affascina. Il primissimo approccio è stato con il personaggio di Konstantìn che cerca la rivoluzione nel classicismo: da giovane studente di recitazione è questo aspetto che più mi ha appassionato. Oggi quasi rido di quel me di allora, col tempo l’interesse si è spostato sui vari personaggi che abitano il testo e sulle loro dinamiche. Penso al tema del teatro presente in Konstantìn e in sua madre Irina Arkadina, o a quello della scrittura teatrale in Trigorin. Čechov parla a tutti i tempi e le età della vita, e poco importa che la prima rappresentazione del Gabbiano sia stata un clamoroso fallimento: vale per molti capolavori del teatro. I veri rivoluzionari i teatri li hanno svuotati, vedi Ibsen coi suoi Spettri o D’Annunzio con La città morta». Entrambi classici con cui Lidi, vincitore nel 2017 del bando per registi under 30 della Biennale College – Teatro diretto da Antonio Latella, si è coraggiosamente confrontato.

L’amore non corrisposto è il motore dell’opera. Scrive Čechov a proposito del Gabbiano all’amico Suvorin, il 21 ottobre 1895: «È una commedia, ci sono tre parti femminili, sei maschili, quattro atti, un paesaggio (veduta lago); molti discorsi sulla letteratura, poca azione, tonnellate d’amore». Konstantìn desidera disperatamente l’amore di sua madre, l’attrice Irina Arkadina, ma non lo riceve; Nina si innamora del romanziere Trigorin, l’amante di Arkadina, con cui vivrà per un periodo a Mosca, prima che lui l’abbandoni per tornare dalla ex; la quale vuole l’amore di Trigorin ma deve accontentarsi del dominio su di lui: egli non ama nessuno. Ha ragione Lidi: «Potremmo finire con la prima scena di Maša e Medvedenko: Perché va sempre vestita di nero? È il lutto per la mia vita. Sono infelice. Ecco tutto qui, come la canzone di Jannacci che mi ha accompagnato nello studio… In fin dei conti chi ama è sempre sconfitto e la sconfitta dell’amore ha una sincerità tale che unisce la gran parte di noi». Ma Il gabbiano è anche un’opera metateatrale, un’opera che riflette sul bisogno di un profondo rinnovamento della scrittura drammatica e della concezione scenica. «Del teatro non si può fare a meno. Sono necessarie nuove forme» dicono nel primo atto Konstantìn e suo zio Sòrin, nella cui villa si svolge l’azione. «Non amo parlare del teatro nel teatro, per me è importante far passare sempre il messaggio che dobbiamo fare palpitare il teatro nel nostro presente – sottolinea Lidi –, essere consapevoli che lavoriamo per chi c’è, senza nasconderci dietro il classico, senza temere di andare incontro alle critiche. Ho optato per una riscrittura non invadente – prosegue –, una riscrittura che renda tutto plausibile rispetto a noi, cercando di mantenere intatto quello che risuona ancora nell’oggi: ci sono autori che hanno bisogno di una riscrittura per risuonare nel presente. Čechov fa eccezione: ride e piange con noi, non ride mai di noi. Empatizza. Si commuove delle tenerezze che ci fanno penare. Mi dice che alla fine non c’è niente da vincere e che nessuna situazione si può mai gestire fino in fondo, che la mania di controllo che tanto ci tranquillizza è perfettamente inutile. La sua grandezza sta nel tenerci compagnia con le vite dei personaggi che abitano i suoi scritti».

Per Tolstoj «Čechov non può essere paragonato come artista a nessuno degli altri scrittori russi, Turgenev, Dostoevskij o io stesso. Come tutti gli impressionisti, egli possiede una sua forma. Lo vediamo lanciare inavvertitamente i colori che ha a portata di mano, e pensiamo che quei tratti di pittura non abbiano nulla a che fare tra loro. Ma appena si fa un passo indietro e si guarda da lontano, l’impressione è straordinaria: ci troviamo di fronte a un quadro abbagliante, irresistibile». Tolstoj tocca un punto cruciale dell’estetica di Čechov: il suo rapporto con i lettori. Scrittori come Turgenev, Goncarov e persino, fino a un certo punto, lo stesso Tolstoj, si rivolgono a un lettore passivo. Čechov, al contrario, non intende spiegare nulla, solo suggerire. Egli esige una costante collaborazione del lettore, l’obiettivo da lui stesso dichiarato è guidare il lettore a pensare: «Quando scrivo, mi concentro sul lettore, e conto che saprà aggiungere lui stesso gli elementi soggettivi che mancano alla mia storia (…) E perché dovremmo spiegare? Basta bussare, è tutto; allora il lettore si interessa e ricomincia a riflettere».

Conferma Lidi: «Non dobbiamo mai dimenticare la dinamica che Čechov intesse con lo spettatore, per un regista questo è fondamentale. Gli spettatori di Čechov videro nel suo teatro una recitazione “nuova” rispetto a quella cui erano abituati, un cast giovane capace di sorprendere il pubblico: quegli attori sul palco parlavano come loro. Questo deve far riflettere non tanto su un aspetto cinematografico del testo ma su cosa vuol dire essere spettatori della propria vita, attivi o passivi».

Laura Zangarini

scarica pdf

Date & Biglietti

INFO BIGLIETTERIA
Thu
07
Jul
2022
ore
19:00
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
ore
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
Orari Evento
28 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
29 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
30 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
01 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
15:30
16:30
17:45
20:30
21:30
02 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45
04 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
05 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
06 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
07 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
08 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
20:45
21:45
09 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45

Playlist

Immagini

No items found.

Immagini

No items found.

Video

No items found.

Biografie

Leonardo Lidi

Si diploma alla Scuola del Teatro Stabile di Torino nel 2012. Nel suo percorso alterna recitazione e regia teatrale. In questi primi dieci anni di lavoro registico spicca per capacità e produttività, vincendo a soli 32 anni il premio della critica teatrale italiana. Dal settembre del 2021 è coordinatore didattico della scuola del Teatro Stabile di Torino e dal 2022 Direttore Artistico del Festival di San Ginesio. Tra gli spettacoli da lui diretti ricordiamo Spettri di Ibsen (Biennale Venezia 2018), Lo zoo di vetro di Williams, La casa di Bernarda Alba di Lorca, La città morta di D'Annunzio, La signorina Giulia di Strindberg (Festival dei Due Mondi 2021) e Il Misantropo di Molière. Lavora inoltre su testi di drammaturgia contemporanea e nell’opera lirica. Nel 2022 insieme al Teatro Stabile dell’Umbria inizia la trilogia su Anton Čechov. Prima tappa del progetto triennale è Il gabbiano. Nello stesso anno è candidato finalista al Premio Ubu per la miglior regia con La signorina Giulia. Nel 2023 dirige Zio Vanja, seconda tappa del Progetto Čechov, spettacolo con cui è candidato finalista per la miglior regia agli Ubu 2023. L'ultimo capitolo della trilogia è Il giardino dei ciliegi (2024).

Rassegna Stampa

No items found.

Eventi correlati

No items found.

Eventi nella stessa Categoria

65

PROGRAMMA COMPLETO
History of Violence

Thomas Ostermeier

8
July
2022
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
HỲBRIS

Flavia Mastrella, Antonio Rezza

7
July
2022
San Simone
1
July
2022
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
L’appuntamento ossia la storia di un cazzo ebreo

Katharina Volckmer, Fabio Cherstich

24
June
2022
Auditorium della Stella