Gira il tuo Smartphone
Turn your Smartphone
Logo new website Molteni Vernici
65

Katharina Volckmer, Fabio Cherstich

L’appuntamento

ossia la storia di un cazzo ebreo

da
Friday
24
June
2022
ore
19:45
da
2022
ore
a
Sunday
26
June
Ore
17:00
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
da
2022
ore
Teatro

Sinossi

In un elegante studio medico di Londra, una giovane donna è distesa sul lettino. Scorge a malapena i capelli radi e le mani raffinate del suo medico, il dottor Seligman, mani a cui ha affidato la scelta più radicale e rivoluzionaria della sua vita. Dal romanzo sovversivo, irriverente e audace di Katharina Volckmer – Un cazzo ebreo – nasce il nuovo spettacolo firmato da Fabio Cherstich che mette a nudo il nucleo più disarmato della vita interiore della protagonista, interrogandosi sul potere della riparazione e mostrandoci come possiamo rimediare ai fatti della storia con le nostre più intime scelte personali.

Un flusso di pensieri che la protagonista, nata e cresciuta in Germania e trasferitasi a Londra, fa sbandare vorticosamente tra inconfessabili fantasie sessuali con protagonista Hitler, idiosincrasie folli e liberatorie, la memoria di una madre autoritaria e di un padre volatile, la vergogna di un’eredità irrimediabile, il senso di isolamento in una società che ci vuole per forza normali, privi di contraddizioni nei nostri corpi felici, e il racconto di un amore non convenzionale, mai sufficiente, eppure totale.

Attraverso un dispositivo visivo che rende il palcoscenico un laboratorio per le immagini, Fabio Cherstich rappresenta scenicamente il percorso mentale che porta al cambio di sesso della protagonista, un caleidoscopio di pensieri che invadono il suo cervello e sembrano modificare la percezione che lei stessa ha del suo corpo e della sua storia. L’esordio esplosivo di una nuova grande voce letteraria internazionale di fronte alla nostra irriducibile solitudine, suggerisce le uniche possibili risposte: accettarsi, perdonare, amare.

Crediti

Programma

di Katharina Volckmer

© Éditions Grasset & Fasquelle, 2021

traduzione italiana Chiara Spaziani pubblicata da © La nave di Teseo editore, 2021

adattamento Fabio Cherstich e Katharina Volckmer

regia, spazio scenico Fabio Cherstich

con Marta Pizzigallo

e Riccardo Centimeri

Luci Oscar Frosio

Musiche originali Luca Maria Baldini

assistente alla regia Diletta Ferruzzi

Scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti

Costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni

Si ringrazia Artemide per la luce, nel ricordo di Ernesto Gismondi

produzione Teatro Franco Parenti

Programma di Sala

scarica pdf

L’appuntamento

ossia la storia di un cazzo ebreo

«Ma persino adesso mi irrita come qualsiasi cosa, sempre, sia progettata attorno

al cosiddetto corpo umano, il corpo dotato di cazzo, mettendo metà della popolazione a rischio di morte a causa degli oggetti quotidiani. E sono sicura che vale per tutto, dagli spazzolini agli ascensori, dalle borse dell’acqua calda ai pianoforti, fino alle tavolette del water». Siamo a Londra, nell’ovattato studio di uno psicanalista, il dottor Seligman. A parlare è una giovane paziente tedesca. Parlare in inglese, e non nella sua lingua madre, le toglie i freni inibitori, la aiuta a spogliarsi di ogni sovrastruttura culturale, di ogni convenzione che lei, spesso con autoironia crudele, si strappa di dosso come strati di carne viva. La giovane tedesca parla, parla ininterrottamente: il suo è un monologo e come nella Voix Humaine di Cocteau ci chiediamo se dall’altra parte del telefono ci sia effettivamente qualcuno, così qui ci chiediamo se l’analista la stia ascoltando. Il dottor Seligman in effetti è con lei nella stanza ma non la interrompe mai; è una presenza appena percepita, come gli adulti invisibili nelle strisce dei Peanuts.

Trarre uno spettacolo teatrale da quel lungo monologo che è Un cazzo ebreo di Katharina Volckmer (La nave di Teseo 2021, traduzione di Chiara Spaziani), è una sfida notevole. Il testo che Volckmer, nata in Germania nel 1987, ha scritto e pubblicato in inglese è torrenziale, provocatorio, a tratti insopportabile ma anche atrocemente divertente. Sullo scrivere in inglese anziché nella propria lingua, Volckmer ha semplicemente detto: «Mi ha permesso di prendermi più libertà. Anche Freud se doveva dire qualcosa di sconveniente usava il francese». È un testo lucido e delirante allo stesso tempo, che passa dalla confessione di fantasie sessuali legate a Hitler e al nazismo, alla descrizione di incontri di sesso occasionale nei bagni pubblici, dalla deplorazione della pessima cucina tedesca all’impossibilità di sentirsi a proprio agio in un corpo di donna. Un cazzo ebreo è un monologo sull’identità tutt’altro che consolatorio: la voce narrante non sa dove sta andando, non segue un arco che dall’autocoscienza la porterà a un lieto fine, a un dipanamento del suo groviglio. Sa solo che deve continuare a frantumare, a fare a pezzi sempre più piccoli la propria identità di femmina e di tedesca. Sia Volckmer che il suo personaggio hanno una sola priorità: rompere il silenzio. E il silenzio dell’analista è il muro contro cui testardamente, dolorosamente, la protagonista continua a sbattere la testa.

Quella che i tedeschi chiamano Vergangenheitsbewältigung (“superamento del passato”) si è trasformata in un vuoto plumbeo: il passato nazista è stato semplicemente rimosso in nome di un antirazzismo untuoso e di facciata che smussa o nega qualunque differenza: «trenta bambini tedeschi e neanche un ebreo in lontananza», ricorda la paziente, «e noi cantavamo in ebraico per assicurarci di restare de-nazificati e profondamente riguardosi. Ma non siamo mai stati in lutto, semmai ci comportavamo assecondando una nuova versione di noi stessi – istericamente non razzisti in qualunque circostanza, e pronti a negare qualsiasi differenza. (…) Eppure non abbiamo mai restituito agli ebrei lo status di esseri umani né abbiamo permesso che interferissero con la nostra interpretazione della storia, fino ad arrivare a quel triste cumulo di pietre che è stato messo a Berlino a commemorare l’Olocausto».

La messa in discussione della propria appartenenza alla cultura tedesca diventa anche una radicale messa in discussione del proprio essere nata femmina: «una volta imparato a pensare con la mia testa, ho cominciato ad andare nei bagni dei maschi», spiega all’analista. E il cesso pubblico diventa per lei, in un comico ribaltamento delle polemiche statunitensi sull’utilizzo dei bagni femminili per le persone trans, un luogo di scoperta di sé.

Mentre scriviamo il regista Fabio Cherstich sta creando lo spettacolo con la collaborazione della stessa Katharina Volckmer. «Immagino la donna e il dottor Seligman all’interno di uno spazio mentale» spiega nelle sue note di regia: «non lo studio di un medico ma un dispositivo visivo in cui attraverso l’utilizzo di lenti traslucide, vetri opalescenti, filtri fotografici, il corpo della protagonista e la sua immagine possano apparire al pubblico in una forma mutevole e continuamente trasformabile, fluida e misteriosa». Cherstich quindi, alla dimensione della parola aggiungerà quella visiva, per rendere plastica l’esigenza della protagonista di trasformarsi, di diventare altro da sé, di lasciarsi alle spalle quella che era. Ha in mente l’arte sporca, umorale e confessionale dell’artista britannica Tracey Emin, il cui flusso di coscienza visivo è costellato di Kleenex appallottolati, di letti disfatti, di preservativi usati, di scarabocchi fatti soprappensiero. O le performance medico-rituali dell’artista francese ORLAN, che ha fatto della chirurgia estetica estrema la sua poetica. Cherstich non vuole solo farci sentire la voce della protagonista ma vuole anche farci vedere cosa si sta affastellando e formando nella sua immaginazione: ci chiede di diventare testimoni di un processo di distruzione di sé che è anche un inno alla complessità e alla fluidità di quello che siamo, di quello che potremmo osare essere e di quello che saremo: «Facciamoci oro, dottor Seligman. Cambiamo forma nei secoli, ma senza scomparire».

Daniele Cassandro

scarica pdf

Date & Biglietti

INFO BIGLIETTERIA
Fri
24
Jun
2022
ore
19:45
Auditorium della Stella
ore
Auditorium della Stella
ore
Auditorium della Stella
ore
Auditorium della Stella
ore
Auditorium della Stella
ore
Auditorium della Stella
Orari Evento
28 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
29 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
30 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
01 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
15:30
16:30
17:45
20:30
21:30
02 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45
04 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
05 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
06 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
07 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
08 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
20:45
21:45
09 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45

Playlist

Immagini

No items found.

Immagini

No items found.

Video

No items found.

Biografie

Fabio Cherstich

Fabio Cherstich è regista e scenografo di Teatro e Opera.Ha lavorato in numerosi teatri italiani ed esteri, tra cui il Teatro Marinsky di San Pietroburgo, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro dell’Opera di Roma, Auditorium Parco della Musica di Roma, Opera d’Avignon, Opera de Marseille, Theatre Maillon de Strasburg, Teatro Argentina di Roma. È l’ideatore e regista del progetto di opera on the road Operacamion definito dal NY a Times come «un progetto unico e capace di riportare l’opera alle sue origini». Nel suo lavoro convergono la passione per l’arte visiva, il design e i linguaggi artistici contemporanei. Dal 2012 collabora con Andrée Ruth Shammah al Teatro Franco Parenti di Milano e insegna estetica e storia della regia contemporanea alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi, alla Scuola di Cinema di Milano e alla Libera Università di comunicazione IULM.

Rassegna Stampa

No items found.

Eventi correlati

No items found.

Eventi nella stessa Categoria

PROGRAMMA COMPLETO
Teatro
7
July
2022
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
Teatro
1
July
2022
Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
History of Violence

Thomas Ostermeier

Teatro
8
July
2022
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
HỲBRIS

Flavia Mastrella, Antonio Rezza

Teatro
7
July
2022
San Simone