Gira il tuo Smartphone
Turn your Smartphone
Logo new website Molteni Vernici
67

Star Catcher

Barbara Hannigan & All Stars

Biglietti: da 48 € a 60 €
Acquista
Acquista
prenota
da
Sunday
7
July
2024
ore
21:00
da
2024
ore
a
Sunday
7
July
Ore
21:00
da
2024
ore
da
2024
ore
da
2024
ore
da
2024
ore
Durata 80 minuti
Musica

Sinossi

L’orecchio di John Zorn è sempre in cerca del prossimo suono da trasformare in musica. La voce di Barbara Hannigan canta note inimmaginabili fino al momento in cui ce le fa ascoltare.

Era inevitabile che il loro incontro fosse tra i più straordinari della musica contemporanea. L’occasione è stata un brano che il pubblico del Festival già conosce, Jumalattaret, che prima di finire tra le mani dell’artista canadese era considerano ineseguibile, e che l’ha resa famosa in tutto il mondo.

Hannigan torna sullo stesso palcoscenico del Teatro Romano dal quale due anni fa ci ha presentato Jumalattaret, con una impressionante collezione di brani del compositore newyorkese e una lista di musicisti di primissimo ordine provenienti da esperienze diverse: l’americano JACK Quartet, il batterista Ches Smith, il bassista Jorge Roeder, la vibrafonista Sae Hashimoto e il pianista Stephen Gosling sono tutti collaboratori di lunga data, che Zorn ha scelto per i concerti che nel 2023 hanno celebrato i suoi settant’anni.

John Zorn mette alla prova ogni definizione. Ha cominciato dal jazz per spingersi ben oltre ogni confine musicale, lasciandosi ispirare da Charles Ives, Bruno Maderna e Karlheinz Stockhausen, ma anche da registi, romanzieri e poemi epici delle più diverse tradizioni. L’unica costante del suo percorso è una inesauribile curiosità e la necessità di trovare interpreti che come lui non si accontantano di ciò che già sanno fare. «Mi interessano le situazioni nelle quali i musicisti devono fare più scelte possibili. Nulla dev’essere predeterminato», ha detto Zorn in un’intervista per La Lettura. «I musicisti che lavorano con me sono onesti, sinceri, responsabili, virtuosi, hanno grande immaginazione, sono menti aperte, vivono le sfide come opportunità, apportano intensità e catarsi alla performance. Sono tutti miei amici, la mia famiglia».

Crediti

Programma

voce Barbara Hannigan

JACK Quartet

violino Christopher Otto

violino Austin Wulliman

viola John Richards

violoncello Jay Campbell

batteria Ches Smith

basso Jorge Roeder

vibrafono Sae Hashimoto

pianoforte Stephen Gosling

musica di John Zorn

Liber Loagaeth per soprano e quartetto d’archi

Star Catcher per soprano e pianoforte

Ab Eo, Quod per soprano, violoncello, vibrafono e batteria

Casting The Runes per vibrafono e pianoforte

con improvvisazione di batteria e basso

Pandora’s Box per soprano e quartetto d’archi

___

produzione Spoleto Festival dei Due Mondi

Si avvisa che le date e gli orari potranno subire variazioni.
Per aggiornamenti consultare il sito www.festivaldispoleto.com

Programma di Sala

scarica pdf

Date & Biglietti

Biglietti: da 48 € a 60 €
INFO BIGLIETTERIA
Sun
07
Jul
2024
ore
21:00
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
ore
Teatro Romano
Orari Evento
28 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
29 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
30 Giugno
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
01 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
15:30
16:30
17:45
20:30
21:30
02 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:15
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45
04 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
05 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
06 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
07 Luglio
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
19:45
20:45
08 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
15:15
16:30
17:30
18:30
20:45
21:45
09 Luglio
10:00
11:00
12:00
13:00
14:15
17:30
18:30
19:45
20:45
21:45

Playlist

Immagini

No items found.

Immagini

No items found.

Video

No items found.

Biografie

Barbara Hannigan

Incarnando la musica con una sensibilità drammatica senza pari, il soprano e direttore d'orchestra Barbara Hannigan è un'artista all'avanguardia nella creazione. La musicista canadese, vincitrice di un Grammy Award, ha dimostrato un profondo impegno nei confronti della musica del nostro tempo e ha eseguito in prima mondiale oltre novanta nuove creazioni. Con una carriera trentennale, Hannigan ha avuto tra i suoi colleghi artistici Reinbert de Leeuw, Pierre Boulez, Sasha Waltz, John Zorn, Krszysztof Warlikowski, Simon Rattle, Katie Mitchell, Henri Dutilleux, Vladimir Jurowski, Gyorgy Ligeti, Kirill Petrenko, George Benjamin, Andreas Kriegenburg e Hans Abrahamsen. È Direttore Principale Ospite della Göteborgs Symfoniker, Première Artiste Invitée dell'Orchestre Philharmonique de Radio France, Artista Associato della London Symphony Orchestra, Direttore Principale Ospite dell'Orchestra da Camera di Losanna (dal 2024/25 in poi) e Reinbert de Leeuw Professor of Music alla Royal Academy of Music di Londra. Con Alpha Classics ha pubblicato sei album, tra cui il suo ultimo disco, Infinite Voyage, nel 2023. L'impegno di Barbara nei confronti delle giovani generazioni di musicisti l'ha portata a creare le iniziative di mentoring Equilibrium Young Artists (2017) e Momentum: our Future Now (2020). Barbara risiede nel Finistère, sulla costa nord-occidentale della Francia, proprio di fronte all'Atlantico, dove è cresciuta a Waverley, in Nuova Scozia.

JACK Quartet

Acclamato dal New York Times come "il quartetto di punta della nuova musica" e descritto come "esperto nelle partiture moderne più ferocemente difficili" dal New Yorker, il JACK Quartet è uno dei più apprezzati quartetti d'archi sperimentali contemporanei, impegnato nella sua missione di creare una comunità internazionale attraverso esperienze trasformative, di apertura mentale e ascolto ravvicinato. Composto dai violinisti Christopher Otto e Austin Wulliman, dal violista John Pickford Richards e dal violoncellista Jay Campbell, il JACK Quartet è stato fondato nel 2005 e opera come organizzazione no-profit dedicata all'esecuzione, alla commissione e alla valorizzazione della musica per quartetto d'archi del XX e XXI secolo. Grazie a intense collaborazioni con molte delle voci più creative di oggi, il quartetto ha un prolifico catalogo di commissioni e registrazioni ed è stato nominato per tre GRAMMY Awards.

Ches Smith

Originario di Sacramento, California, è un batterista, percussionista e compositore con sede a New York. Dall'inizio degli anni Duemila ha collaborato con numerosi artisti, tra cui Marc Ribot, Tim Berne, John Zorn, Darius Jones, David Torn, John Tchicai, Nels Cline, Mary Halvorson, Trevor Dunn, Terry Riley, Kris Davis, Dave Holland, Secret Chiefs 3, Xiu Xiu, Good for Cows, Theory of Ruin e Mr. Bungle. Ha all'attivo nove dischi come bandleader ed è un fedele cultore di tamburi Vodou haitiani con cui si esibisce in contesti religiosi e folcloristici a New York e Haiti negli ultimi dieci anni.

Jorge Roeder

Originario di Lima, in Perù, il bassista Jorge Roeder è noto per essere uno dei bassisti più versatili ed espressivi del jazz odierno. Combinando un'immaginazione sinfonica con l'intimo lirismo di un musicista folk, l'energia aggressiva di un rocker grezzo con la sensibilità ritmica delle sue radici afro-peruviane, Roeder trasmette un ampio spettro di influenze all'interno di una base solida. Nelle sue mani, scrive Peter Hum dell'Ottawa Citizen, "la musica sembra danzare dalle fondamenta". La sorprendente adattabilità della voce di Roeder è evidenziata dalla varietà dei suoi validi collaboratori. Da tempo collabora con il chitarrista Julian Lage, la cui musica abbraccia una panoramica di stili americani, e con la vocalist argentina Sofia Rei, autrice e interprete creativa di melodie provenienti da varie tradizioni sudamericane. È anche un membro del trio del pianista israeliano Shai Maestro, che fonde complessità ed eleganza, e dell'ensemble Catharsis del trombonista Ryan Keberle. Roeder ha anche condiviso i palcoscenici con innovatori come il vibrafonista Gary Burton, il chitarrista Nels Cline e il compositore/sassofonista John Zorn. Le sue doti sono state riconosciute con numerosi premi, tra cui il primo premio all'International Society of Bassists Jazz Competition del 2007, il piazzamento come semifinalista al Thelonious Monk Bass Competition del 2009 e una nomination ai Grammy Award per Sounding Point, l'album di debutto del Julian Lage Group. Dopo aver iniziato a prendere lezioni di chitarra in tenera età, Roeder ha studiato violoncello classico in Perù e in Russia, ha affinato le sue doti nei rock club di Lima e si è dedicato al jazz presso lo stimato New England Conservatory di Boston, dove ha studiato con grandi del jazz come Danilo Pérez, Jerry Bergonzi, Bob Moses, Cecil McBee e il peruviano Oscar Stagnaro. Con le sue inesauribili capacità, la musica di Roeder sembra sempre protesa verso un nuovo orizzonte. Ha fatto proprie le lezioni della formazione classica, della passione per il rock e dell’improvvisazione jazzistica diventando un bassista unico ed originale, all'avanguardia del jazz moderno

Sae Hashimoto

Percussionista di origine giapponese. La sua vasta gamma di competenze e la sua crescente curiosità musicale hanno contribuito alla sua carriera poliedrica che continua ad evolversi. Il suo virtuosismo e il suo impegno costante la rendono un'interprete ricercata di musica classica, barocca, contemporanea e sperimentale. Hashimoto è appassionata di esecuzione di musica di compositori viventi. Come membro del quartetto pianoforte/percussioni Yarn/Wire e del Talea Ensemble, ha lavorato a stretto contatto con le principali voci della musica contemporanea e sperimentale, tra cui Tyshawn Sorey, Michael Gordon, Øyvind Torvund, Agata Zubel e Annea Lockwood. Una lunga collaborazione con John Zorn ha portato alla prima esecuzione di oltre una dozzina delle sue opere per vibrafono, registrate in due album dell'etichetta Tzadik. Come musicista orchestrale si è esibita con la New York Philharmonic, il New York City Ballet, la New Jersey Symphony e l'American Composers Orchestra. Attualmente è la timpanista principale dell'orchestra Symphony in C del New Jersey. Esegue anche musica barocca con i suoi timpani d'epoca del XIX secolo con ensemble come TENET Vocal Artists e Clarion Music Society. La sua musica originale può essere ascoltata in un album omonimo di Archipelago X, un trio basato sull'improvvisazione composto da Brian Marsella alle tastiere e Ikue Mori, vincitore del MacArthur 2022 all'elettronica. Hashimoto e Marsella stanno attualmente lavorando a un nuovo progetto per vibrafono e pianoforte, con un nuovo album che uscirà nel 2025. Il suo amore per le percussioni è nato per caso nella classe di musica della quinta elementare di Osaka, in Giappone. Nel 2012 si è trasferita a New York per frequentare la Juilliard School, dove ha studiato con Daniel Druckman e Markus Rhoten, con il supporto di una borsa di studio della Kovner Fellowship. Dopo aver completato il master nel 2018, è stata selezionata come borsista di percussioni per Ensemble Connect, un prestigioso programma della Carnegie Hall. Attualmente risiede a West Orange, NJ.

Rassegna Stampa

No items found.

Eventi correlati

Eventi nella stessa Categoria

67

PROGRAMMA COMPLETO
Piano piano

BABX + Adrien Mondot

13
July
2024
Auditorium della Stella
6
July
2024
Chiesa di Sant'Agata
29
June
2024
Chiesa di Sant'Agata
5
July
2024
Teatro Romano